RENDITI VISIBILE

Pubblicizza la tua attività anche in modo gratuito su Osteolab. Permetti ai pazienti di trovarti e contattarti per un appuntamento...

APPUNTI DI MEDICINA

Nella formazione di ogni osteopata è di fondamentale importanza la conoscenza della medicina tradizionale...

APPUNTI DI OSTEOPATIA

Ricerche e appunti integrati di Medicina Osteopatica. Appunti di Osteopatia Viscerale, Strutturale e Craniosacrale...

COS’È L’OSTEOPATIA

L'Osteopatia rientra nella branca delle medicine complementari. Lo scopo dell’osteopatia è quello...

SEZIONE VIDEO

Raccolta di video didattici e dimostrativi delle varie tecniche di ascolto e normalizzazioni osteopatiche...

MAPPE CONCETTUALI

Strumenti di studio molto efficaci che permettono di memorizzare e ripassare una grande quantità di informazioni in modo rapido ed efficace...

SHOP

Strumenti utili, se non indispensabili all'esercizio della professione, riportiamo prodotti che reputiamo...

TGO (Generalità)

Indice

  1. Storia;
  2. Azione del TGO;
  3. Aggiustamento del corpo;
  4. La tecnica;
  5. I 10 principi di TGO;
  6. Concetti strutturali;
  7. Punti Pivot;
  8. Linee fondamentali (A.P. e P.A.);

Il Trattamento Generale Osteopatico è un approccio metodologico alle articolazioni del Pz che non prende in considerazione la DISFUNZIONE o LESIONE OSTEOPATICA, ma mira a liberare eventuali restringimenti articolari con mobilizzazioni attive o pompages articolari. Permette pertanto di preparare l’articolazione ad eventuali test e correzioni più specifiche.

Il TGO venne introdotto inizialmente in Gran Bretagna e poi in Europa da J.M. Littlejohn, John Wernham, and T.E. Hall. Tom Dummer definì il TOG come “un sistema di trattamento che si avvale delle risorse naturali del corpo in ambito correttivo per regolare le condizioni strutturali allo scopo di stimolare l’adeguata preparazione e distribuzione dei fluidi e delle forze all’interno dell’organismo, promuovendo la cooperazione e l’armonia nel meccanismo corporeo”. Dummer riteneva che quasi tutte le condizioni patologiche derivassero dall’interferenza e/o dall’ostruzione del flusso sanguigno (arterioso e venoso), della linfa e dell’apporto nervoso. Il TOG consiste nella mobilizzazione delle articolazioni con manovre a bassa velocità e grande ampiezza. L’obiettivo del TOG è ripristinare la mobilità articolare e ridurre la tensione dei tessuti molli adiacenti all’articolazione sottoposta alla mobilizzazione, oltre che favorire il drenaggio dei tessuti molli, aumentando i meccanismi di retroazione propriocettiva e facilitando un miglior equilibrio biomeccanico.

Partendo dai principi fondamentali dell’osteopatia introdotti da A.T. Still:

  • Il corpo è un’unità;
  • La struttura governa la funzione;
  • La regola dell’arteria è suprema;
  • Il corpo possiede meccanismi di auto-regolazione e di auto-guarigione;
  • Quando la normale adattabilità non funziona, o quando cambiamenti ambientali sopraffanno la capacità di auto-manutenzione dell’organismo, può insorgere la malattia;
  • Il movimento dei fluidi corporei è essenziale per il mantenimento della salute;
  • I nervi svolgono un ruolo cruciale nel controllo dei fluidi corporei;
  • Alcune delle componenti somatiche di una patologia possono non essere soltanto una manifestazione di malattia, bensì costituire esse stesse fattori che contribuiscono alla condizione patologica.

Ricapitolando, la disfunzione somatica indica la funzione compromessa o alterata di una o più componenti del sistema somatico (struttura corporea). Essa può interessare le strutture scheletriche, artrodiali, miofasciali e i relativi elementi vascolari, linfatici e neurali. La disfunzione somatica può essere normalizzata con il trattamento manipolativo osteopatico. Gli aspetti relativi alla posizione ed alla mobilità tipici della disfunzione possono essere descritti con l’ausilio di almeno uno dei seguenti tre parametri:

  • La posizione di un segmento del corpo determinata con la palpazione in riferimento alla sua struttura adiacente;

  • Le direzioni lungo le quali la mobilità risulta più agevole;

  • Le direzioni lungo le quali il movimento è limitato.

Possiamo ben comprendere come in sede di un trattamento globale gli scopi siano:

  • Meccanico: liberazione delle costrizioni meccaniche, ripristino dell’armonia dello schema corporeo. (struttura-funzione);

  • Neurologico: liberazione contratture, tensioni, trigger point. (funzione-struttura);

  • Fluidico: si riattiva la corretta circolazione dei fluidi corporei (linfa, circolo venoso, circolo arterioso).

In definitiva si evince che il ripristino della circolazione e venosa (drenaggio) e arteriosa (trofismo) si ponga alla base di tutto.

L’AGGIUSTAMENTO DEL CORPO

Fatta eccezione per i casi acuti – e per qualche altro caso – le tecniche osteopatiche si applicano sempre nel contesto del Trattamento Generale. Quelli che si accontentano di un trattamento locale, diretto verso la zona dolorosa indicata dal paziente, hanno di fatto totalmente rigettato questo primo grande principio dell’osteopatia. Questo approccio limitato rappresenta la negazione assoluta del secondo grande principio dell’osteopatia: l’integrazione anatomica, meccanica e fisiologica delle differenti parti del corpo.

Pertanto l’approccio generale costituisce un vasto modello nella cui cornice si devono integrare le particolari disfunzioni localizzate che via via si presentano, se si vuole risolvere il problema ed ottenere un risultato stabile. Il termine Trattamento Generale è caduto in disuso, quando ha cominciato ad essere usato per indicare una sorta di preliminare approccio a tecniche cosiddette “specifiche” o di “aggiustamento “, di concezione interamente anatomica e molto poco riguardanti la dimensione meccanica o fisiologica del corpo. Ciò non ha tardato a generare la noia e, come conseguenza, a mettere ben poca attenzione in quelli che sono i punti fondamentali delle nostre procedure manipolative. Esse sono le ragioni per cui il vecchio termine è stato abbandonato per quello di “Aggiustamento del Corpo “. In verità trattamento generale, aggiustamento del corpo, trattamento completo, o qualunque altro nome che si voglia dargli, costituisce l‘essenza del nostro lavoro manipolativo e richiede per questo la nostra massima attenzione ad ogni momento del suo svolgersi.

La Tecnica:

La tecnica messa in opera è quella delle leve lunghe; si attua su tutti i tessuti del corpo, accentuando l’attenzione là dove è necessario. La routine è deliberatamente rivolta allo scopo di non lasciare scappare niente sul piano della diagnosi ed inoltre per ristabilire un ritmo così spesso perso dal paziente. La leva applicata attraverso gli arti è potente e mette in gioco tutte le inserzioni muscolari del rachide e del bacino benché l’effetto sia dolce, armonizzante e rilassante. L’obiettivo è la restaurazione del mezzo interno in modo da porre le condizioni necessarie alla guarigione. Senza una tale preparazione, le correzioni vertebrali hanno un effetto limitato e di breve durata; in effetti, in un gran numero di casi, l’aggiustamento generale del corpo si rivelerà sufficiente per mettere la natura in condizione di fare il resto, senza il ricorso a nessuno lavoro locale, specifico o qualsiasi altra cosa del genere. L’argomento il più importante e più convincente a favore di questa tecnica tradizionale può essere ricercato nella durata dei suoi effetti che sono stabili e resistenti allo stress. L’aggiustamento del corpo non è un semplice ausilio al nostro trattamento, ma è l’essenza stessa dell’Osteopatia.

I 10 PRINCIPI DEL TGO J.M.LITTLEJOHN

Routine: Paziente e osteopata rilassati. Attività passiva. Entrare lentamente nei tessuti. Lavoro su SNV. Permette al paziente di esprimere energia vitale.

Ritmo: Adattarsi al ritmo del paziente. Non imporre ritmo. Alterazione del ritmo può dare tensione, rigidità, edema, accumulo tossine. Ritmo può essere modificato stimolandolo o rallentandolo.

Rotazione: Tutto si muove attorno ad un asse.

Mobilità: Fondamentale per la libertà di movimento.

Motilità: Movimento intrinseco. Involontario, tipo peristalsi, battito cardiaco… Reciproca relazione tra la mobilità muscolo-scheletrica e la mobilità degli organi.

Integrità articolare: Ricreare , ricercare la spontanea e propria armoniosa funzione. Il buon tono muscolare, la tensione legamentosa e fasciale contribuiscono all’integrità della funzione articolare. La restrizione di un legamento e della fascia mantengono una disfunzione.

Coordinazione: Il sistema nervoso coordina la risposta del corpo alle informazioni sensitive. Tutto inizia da una reazione alle informazioni o stimoli esterni. In caso di trauma, la coordinazione del sistema contrazione / rilasciamento, la risposta meccanismo anti-infiammatorio, il fattore ormonale, ripara o rimuove tutta la zona dove si è subito il trauma;

Tutto il corpo risponde nessuna parte vive isolata.

Correlazione: La continua relazione tra le varie strutture. Le alterazioni mobilità e motilità alterano la coordinazione del resto del corpo. Questo può essere la causa come la scoliosi( disfunzione del movimento del diaframma, altera mobilità dei legamenti epatici, disfunzione epatica…..). La legge dell’arteria è suprema.

Stabilizzazione: Coordinazione o correlazione porta la stabilità. Riduzione della vitalità che crea facilitazione. La stabilizzazione permette la vitalità.

Legge Meccanica: Basato sul modello meccanico di J.M.Littlejohn. Di conseguenza il lavoro del Tgo diretto al sistema muscolo-scheletrico da benefici al sistema nervoso(periferico e vegetativo), vascolare e linfatico.

CONCETTI STRUTTURALI

Partiamo col dire che gran parte dell’interpretazione osteopatica relativa alla struttura corporea è assolutamente empirica e che i concetti vengono presentati al fine di permettere lo sviluppo individuale della comprensione e della percezione del corpo.

Sviluppo delle curve del rachide

Il rachide presenta due tipologie di curve:

  • Curve vertebrali primarie (cifotiche);
  • Curve vertebrali secondarie (lordotiche).

Le curve primarie si sviluppano in utero. Alla nascita, i sistemi organici sono perfettamente funzionali, mentre il sistema nervoso deve appena iniziare a creare e a stabilire le connessioni sinaptiche necessarie per completare i suoi circuiti neurali.

Le curve secondarie (cervicale e lombare) si sviluppano per soddisfare l’esigenza di interagire con l’ambiente circostante. La lordosi cervicale si sviluppa per prima (intorno all’ottava settimana) grazie all’azione dei muscoli erettori della colonna. La lordosi lombare si sviluppa durante il passaggio dalla quadrupedia (gattonamento) alla posizione eretta e alla deambulazione.

Sorge evidente come primordiali adattamenti della sfera cranica interessano una complessa interazione con muscoli addominali, ileopsoas, pavimento pelvico, estensori dell’anca e muscoli erettori della colonna in queste fasi cruciali dello sviluppo e come ciò determini profondi adattamenti postumi…

Ruolo delle curve

Le curve lordotiche sono regioni di transizione dalle aree di ipomobilità, cranio e curve cifotiche, che contengono gli organi vitali (cervello, cuore, polmoni e organi riproduttivi).

Lo stesso rachide contiene in sé tre colonne che rappresentano la mobilità e la protezione:

  • La colonna anteriore (vertebre e dischi) sostiene il peso;
  • Le due colonne posteriori permettono il movimento;
  • Esse sono unite dalla lamina (archi posteriori) e, in co-operazione con i legamenti interposti tra le colonne, creano un canale di protezione per il midollo spinale.

Equilibrio

  • È importante ricordare che il corpo possiede tre dimensioni;
  • Occorre evitare di concentrare il trattamento soltanto sulla muscolatura posteriore (che offre resistenza alla gravità);
  • Bisogna che vi sia equilibrio tra la parte anteriore e quella posteriore, tra flessori e estensori;
  • Se una delle curve si modifica, allora il corpo deve adattarsi a tale cambiamento;
  • A seconda del tipo di alterazione della funzione di una curva, si verificherà un’alterazione reciproca nella funzione delle altre curve e degli organi.

 

VALUTAZIONI VISIVE (OSTOSTATISMO)

Trattato in modo esaustivo nella sezione test osteopatici

  • Asimmetrie:

Frontali: considerare l’allineamento orizzontale di occhi, orecchie, bocca (che riconducibili alle disfunzioni craniche di forma e stato ) la linea cucullare (ovvero “cappuccio”, in riferimento al muscolo trapezio), le clavicole, la linea mamillare, le dismetrie arti superiori, i triangoli della taglia, le Sias e creste iliache, le linee semilunari (linee visibili nei soggetti magri lateralmente al retto dell’addome), atteggiamenti in varo o valgo di ginocchia e caviglie.

Posteriori: considerare l’allineamento orizzontale della linea nucale superiore, della linea cucullare, delle scapole, dei triangoli della taglia, rilevare possibili atteggiamenti scoliotici ( situazioni di asimmetrica ipertonicità muscolare), roto-scoliosi (fare riferimento alla verticale di barrè),valutare grossolanamente la posizione dei punti pivot:

  • Della Statica: C2,D4,L3;
  • Della Dinamica: C5,D9,L5;
  • Curva funzionale: C1-C4, C6-D8, D10- L4, S1-coccige. La funzionalità permette il movimento! Ma, nonostante le posizioni viziate, le posture scorrette e l’accumulo di compensi, spesso gli errati adattamenti a livello dei pivot sono indotti da peculiarità anatomiche:

-C1: potrebbe essere considerato un punto pivot ma è stabilizzato dai legamenti di C2/3

-C5: le faccette sono maggiormente orientate verso le toraciche. Il muscolo lungo del collo cambia direzione;

  • T4: la pressione gravitazionale della testa e del collo ha il suo effetto su T4;
  • T5-L2: l’unità in assoluto più robusta(nocciolo centrale) del rachide, costituisce il fondamento degli archi strutturali e funzionali;
  • T9: più spesso in restrizione che mobile;
  • L5: ha il disco maggiormente cuneiforme e più grande della colonna lombare.

Allineamento sips e creste iliache, atteggiamenti in vago e valgo di ginocchia e caviglie.

Laterali: rilevare se il lobo dell’orecchio cade due dita davanti al malleolo laterale, valutare curve in riferimento a linea A.P. (idealmente tracciata dal punto più anteriore del grande forame occipitale, passa inferiormente e posteriormente attraverso i corpi di T11 e T12, posteriormente attraversa il corpo di S1, fino al punto piu posteriore dell’estremità del coccige ) e P.A. (dal punto medio del margine posteriore del grande forame occipitale, attraversa il margine anteriore di L2 e L3, dove si biforca per continuare in direzione degli acetaboli, per poi riflettersi anteriormente fino a incontrarsi nella sinfisi pubica ), recurvatum di ginocchio.

Inoltre nell’osservazione bisogna valutare:Condizioni di forma e stato (ES: forma del cranio, forma del petto… riscontrare possibili dismorfismi riconducibili anche ad eventuali situazioni traumatiche o patologiche). Presenza di cicatrici post chirurgiche e non , cheloidi.

Manifestazioni cutanee (rash, ipertricosi, nevi…).

ARTICOLI CORRELATI

TGO Decubito laterale

TGO Prono

TGO Supino

Bibliografia:

  • Marcello L. Marasco, Archi funzionali e biomeccanica vertebrale di John Martin Littlejohn, Marrapese 2009.

0 commenti

Invia un commento




Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Un grosso piacere! Aiutaci a crescere!

Se hai trovato informazioni interessanti su osteolab.net, clicca e condividi! A te non costa nulla e a noi fai un enorme favore! Oppure condividi successivamente l'articolo cliccando sui bottoni social alla tua sinistra!