VERTEBRE CERVICALI: CARATTERISTICHE COMUNI E PECULIARI

Le vertebre cervicali presentano dei caratteri specifici che permettono la loro distinzione dalle vertebre degli altri segmenti. Inoltre, la prima, la seconda e settima vertebra cervicale, hanno delle caratteristiche peculiari che le differenziano dalle altre vertebre cervicali.

Le vertebre cervicali hanno una grandezza minore rispetto alle altre degli altri segmenti e un foro vertebrale di forma triangolare. La loro minore grandezza è spiegata dal fatto che sostengono un peso minore rispetto alle dorsali e lombari.

Vertebre cervicali

Analisi delle strutture delle vertebre cervicali

Come tutte le vertebre (vedi caratteristiche generali), le vertebre cervicali presentano:

  • Un corpo;
  • Due peduncoli;
  • Due processi trasversi;
  • Due lamine;
  • Un processo spinoso.

Corpo

Il corpo presenta una forma quadrangolare con un diametro trasversale maggiore di quello anteroposteriore. La faccia intervertebrale superiore è concava trasversalmente e, lateralmente, presenta due processi uncinati. La faccia intervertebrale inferiore, al contrario, presenta una convessità trasversale e, ai lati, in prossimità dei processi uncinati, presentano una depressione che si rapporterà con i processi uncinati della vertebra cervicale sottostante.

Peduncoli

peduncoli sono delle lamine appiattite in senso trasversale che dal corpo si portano posteriormente e in fuori. Le loro incisure superiori sono più profonde di quelle inferiori. (Vedi cosa sono le incisure nell’articolo sulle caratteristiche generali delle vertebre).

Lamine

Le lamine sono anch’esse appiattite in senso trasversale e sono larghe e sottili.

Processi trasversi, articolari e spinoso

processi trasversi sono formati da due lamine ossee che delimitano, insieme al peduncolo, un foro, denominato, foro trasverso, dentro il quale passa l’arteria vertebrale di destra a destra e l’arteria vertebrale sinistra a sinistra. Lateralmente ai fori trasversi, sono presenti due tubercoli (anteriore e posteriore) i quali daranno inserzioni a diversi muscoli.

I processi articolari sono posizionati dietro ai processi trasversi, sono quattro, due superiori e due inferiori. Le facce articolari delle superiori hanno una disposizione paratrasversale, con un angolo di inclinazione che varia in base al livello cervicale preso in considerazione. Passiamo dai 10 gradi di inclinazione dei processi articolari superiori della settima vertebra cervicale, ai 45 gradi della terza cervicale. L’atlante e l’epistrofeo fanno eccezione. Inoltre le faccette superiori sono rivolte in alto e indietro, mentre le inferiori in basso e in avanti.

Il processo spinoso è corto e pressoché orizzontale. Risulta anche bifido dalla seconda alla sesta vertebra cervicale.

Atlante (C1)

Quando si parla di atlante ci si riferisce alla prima vertebra cervicale, ovvero alla vertebra che sostiene il cranio articolandosi con l’osso occipite. La caratteristica più evidente di questa vertebra e che la differenzia da tutte le altre, è la mancanza del corpo. Infatti, essa, risulta composta da due archi (anteriore e posteriore), che lateralmente si uniscono tra loro andando a formare due masse laterali su cui sono situate le faccette articolari.

L’arco anteriore, ha una convessità anteriore e, nella sua faccia ventrale, presenta un tubercolo anteriore, nel suo punto mediano. La faccia dorsale, è concava, ricoperta da cartilagine ialina per l’articolazione che ha con il dente dell’epistrofeo.

L’arco posteriore corrisponde alle lamine delle vertebre, ha una convessità posteriore e nel suo punto mediano presenta un tubercolo posteriore. Sulla sua faccia superiore, in prossimità dei massicci articolari, sono presenti  due solchi, uno per lato, nei quali si poggia l’arteria vertebrale e il primo nervo spinale. Inoltre lateralmente alle masse articolari, originano i processi trasversi che sono perforati dal foro trasversario.

Il foro vertebrale presenta una forma quadrangolare ed è suddiviso dal legamento trasverso del dente che divide in foro in una porzione anteriore, che sarà occupata dal dente dell’epistrofeo, e una posteriore, più ampia, occupata dal midollo spinale.

Atlante

Epistrofeo (C2)

L’epistrofeo è la vertebra che presenta un corpo particolarmente modificato e che risulta fuso con l’arco anteriore dell’atlante. Cosa che contraddistingue il suo corpo, da quello di tutte le altre vertebre della colonna vertebrale, è la presenza di un processo odontoideo, ovvero la presenza del dente. Esso origina da una porzione ristretta della faccia superiore del corpo, per poi ingrandirsi e andare a formare l’apice del dente. La faccia anteriore del dente è ricoperta da cartilagine ialina, per l’articolazione con la porzione dorsale dell’artco anteriore dell’atlante. Nella faccia posteriore del dente è presenta la faccia articolare posteriore dove si inserirà il legamento trasverso, con la funzione di tenere il dente in continuo rapporto con l’arco anteriore dell’atlante. Lateralmente il dente presenta delle faccette articolari rivolte in alto e lateralmente.

Epistrofeo

Settima vertebra cervicale o prominente (C7)

La settima vertebra cervicale è detta anche prominente perchè presenta un processo spinoso lungo e sporgente, non bifido e facilmente palpabile alla base del collo. Essa è una vertebra che presenta delle caratteristiche intermedie tra le vertebre cervicali e le dorsali. Presenta dei processi trasversi con lamine sviluppate e un foro trasversario più piccolo che permette soltanto il passaggio della vena vertebrale. L’arteria vertebrale sinistra e destra entra nel foro trasversario della sesta vertebra cervicale (C6).

Settima vertebra cervicale

ARTICOLI CORRELATI

Apparato Locomotore

Rachide

Vascolarizzazione collo-cranio

Vertebre lombari

Muscoli del dorso

Vertebre dorsali

Nervi spinali

Struttura delle ossa

Vertebre caratteri generali

Bibliografia:

Trova l’argomento che più ti interessa.

Hai bisogno di aiuto? Di un consulto?

Contatta il professionista più vicino!

Professionista osteolab

Sostieni il blog!

Cliccando sul bottone potrai dare il tuo contributo per il lavoro che svogliamo. Come utilizziamo le entrate del sito? Leggi Qui!

0 commenti

Invia un commento

Pin It on Pinterest

Shares
Share This