SISTEMA NERVOSO PARASIMPATICO: STRUTTURA E FUNZIONI

GENERALITA’ DEL SISTEMA NERVOSO PARASIMPATICO

Il sistema nervoso parasimpatico ha sede esclusivamente a livello encefalico e sacrale e, a differenza della controparte ortosimpatica, non possiede nervi unicamente parasimpatici, bensì la componente vegetativa derivante da questo sistema è sempre inserita nella compagine dei nervi spinali, cranici o sacrali essi siano. Possiede anch’esso strutture gangliari, situate, tuttavia, nelle parti terminali dei nervi che vicariano le fibre parasimpatiche o addirittura sulla parete degli organi bersaglio.

Tale sistema è responsabile di tutte le reazione corporee involontarie che rispondono alle situazione di “riposo”, “recupero delle energie”, contrastando e bilanciando le azioni della sezione simpatica. Favorisce la digestione, l’assorbimento dei nutrienti per l’immagazzinamento delle energie, la defecazione e la minzione, gestendo funzionalità che rendono il sistema parasimpatico essenziale per la vita. Esso favorisce anche, parlando più in generale, la quiete, il riposo e il rilassamento, coadiuvando in tal modo a ristabilire l’equilibrio omeostatico del nostro corpo.

Il sistema nervoso parasimpatico viene, quindi, suddiviso di due componenti:

  • il Parasimpatico Encefalico;

  • il Parasimpatico Sacrale.

sistema nervoso parasimpatico

Blausen.com staff (2014). “Medical gallery of Blausen Medical 2014”. WikiJournal of Medicine 1 (2). DOI:10.15347/wjm/2014.010. ISSN 2002-4436. – Opera propria, CC BY 3.0

Fontehttps://commons.wikimedia.org

OMEOSTASI

L’enciclopedia Treccani recita: “In biologia, l’attitudine propria dei viventi a mantenere intorno a un livello prefissato il valore di alcuni paramentri interni, disturbati di continuo da vari fattori esterni ed interni” (Vedi definizione completa qui). Il concetto di Omeostasi fa, dunque, riferimento ai meccanismi intrinseci del corpo umano finalizzati a ristabilire l’equilibrio interno. Dal punto di vista del sistema neurovegetativo, dopo un periodo di stress fisico e allerta, governato dal sistema simpatico, si deve instaurare un processo di rilassamento, governato invece dal sistema parasimpatico, che permette il recupero delle energie consumate e lo svolgimento di alcune funzioni vitali del nostro organismo.

PARASIMPATICO ENCEFALICO

Il sistema efferente del sistema parasimpatico cranico trae origine da alcuni nuclei del tronco encefalico in particolare da:

  • Nucleo mesencefalico di Edinger-westphall, le cui fibre confluiscono nel III nervo cranico ;

  • Nuclei bulbari salivatori e lacrimali, le cui fibre confluiscono nel VII e IX nervo cranico;

  • Nucleo motore del Vago, le cui fibre confluiscono nel X nervo cranico;

  • Nucleo ambiguo, le cui fibre confluiscono nel X nervo cranico.

Le fibre pre-gangliari che da essi nascono, corrono poi tra le fibre somatiche del nervo oculomotore (III), facciale (VII), glossofaringeo (IX), vago (X). Promuovono le secrezioni digestive (salivari, gastriche, biliari, enteriche e pancreatiche) e delle ghiandole nasali e lacrimali. Abbassano la frequenza cardiaca e inducono la broncocostrizione e la contrazione pupillare. Esaltano, infine, l’attività peristaltica di tutti gli organi dell’apparato digerente fino alla flessura sinistra del colon trasverso, che rappresenta il punto di confine tra intestino medio e intestino caudale, definito punto di Cannon-Bohm.

 NERVO OCULOMOTORE

→ Le fibre viscerali effettrici dell’oculomotore (III), derivanti dal nucleo di Edinger-Westphall, giungono al ganglio ciliare , localizzato nel tessuto adiposo lasso in prossimità dell’apice dell’orbita tra nervo ottico (II) e il retto laterale dell’occhio, lateralmente all’arteria oftalmica, ad 1cm circa davanti all’estremità mediale della fessura orbitaria superiore (tra la grande e la piccola ala dell’osso sfenoidale); lì traggono sinapsi, dando origine a neuroni post-gangliari.

I nervi ciliari brevi, che dal ganglio ciliare si portano alla sclera, contengono sia fibre parasimpatiche, sia fibre sensitive, sia fibre ortosimpatiche post-gangliari, le quali giungono al ganglio sopracitato trasportate dal plesso perivascolare dell’arteria carotide interna (ganglio cervicale superiore), non traendo, pertanto, sinapsi. Si dirigono quindi al muscolo dilatatore della pupilla e si distribuiscono ai vasi sanguigni del bulbo oculare. La piccola quantità di fibre sensitive deriva, invece, dal nervo nasociliare (uno dei tre rami terminali del nervo oftalmico V3) e trasportano informazioni sensitive provenienti dalla cornea, dal corpo ciliare e dall’iride. Le fibre effettrici parasimpatiche raggiungono, quindi, i loro organi bersaglio:

  • il muscolo costrittore della pupilla, responsabile della miosi pupillare (diminuzione del diametro della pupilla);

  • il muscolo ciliare, la cui contrazione induce l’accomodazione del cristallino (messa a fuoco sulla retina di oggetti posti a distanza ravvicinata rispetto al punto remoto in un occhio emmetrope).

Nervo oculomotore

By Patrick J. Lynch, medical illustrator – Patrick J. Lynch, medical illustrator, CC BY 2.5

Fonte: https://commons.wikimedia.org

 NERVO INTERMEDIO DI WRISBERG E FACCIALE

→ La porzione parasimpatica annessa al VII nervo cranico deriva dal nucleo pontino salivatore superiore e decorre nel nervo intermedio di Wrisberg. Raggiunge, dunque, il ganglio genicolato, situato nel primo ginocchio del canale del facciale nella rocca petrosa del temporale, punto in cui le due componenti (nervo intermedio e nervo facciale propriamente detto) del nervo facciale confluiscono l’una nell’altra.

A livello del suddetto ganglio, le fibre pre-gangliari parasimpatiche procedono perifericamente, in parte decorrendo nel nervo facciale appena costituitosi, in parte aggregandosi al nervo grande petroso superficiale, collaterale del facciale, che trae origine proprio dal ganglio genicolato.

In particolare:

-il nervo grande petroso superficiale riceve fibre pre-gangliari parasimpatiche derivanti dal nucleo muconasolacrimale (nucleo pontinopontino), responsabili della stimolazione delle ghiandole lacrimali, della mucosa delle cavità nasali e del palato. Lascia il canale del facciale, portandosi in fossa cranica media, dove è ricoperto dalla duramadre. A livello del forame stilo-mastoideo, il nervo grande petroso forma, insieme al piccolo nervo petroso di derivazione simpatica (plesso carotideo), il nervo vidiano (o nervo del canale pterigoideo). Esso raggiunge la fossa pterigopalatina (situata tra lamina laterale del processo pterigoideo dello sfenoide e l’osso palatino) e terminamette capo al ganglio sfenopalatino annesso al nervo mascellare (V2) e situato davanti al foro rotondo dello sfenoide. È considerato il ganglio parasimpatico periferico più voluminoso. Dopo aver contratto sinapsi, le fibre post-gangliari parasimpatiche, tramite un ramo gangliare, confluiscono nel nervo zigomatico e zigomaticotemporale (collaterali del nervo mascellare) per poi raggiungere la ghiandola lacrimale. Attraverso i rami nasali e palatini del nervo mascellare, invece, altre fibre post-gangliari parasimpatiche, dal ganglio, raggiungono le ghiandole della mucosa palatina e nasale.

-il nervo facciale raccoglie, d’altrocanto, fibre pre-gangliari derivanti dal nucleo salivatorio superiore del ponte e dirette, principalmente, alle ghiandole salivari.

Tali fibre raggiungono i loro organi bersaglio percorrendo, dapprima, la corda del timpano (ramo collaterale del nervo facciale), poi il nervo linguale, nervo in cui sono incastonati i rispettivi gangli sottomandibolare e sottolinguale. Dopo aver contratto sinapsi, le fibre post-gangliari parasimpatiche vanno a innervare le ghiandole sottomandibolari e sottolinguali, promuovendo la secrezione di saliva e modulandone la composizione. Essa deve, infatti, riuscire a proteggere e lubrificare il cavo orale, favorire la masticazione e la formazione del bolo alimentare, iniziare la digestione degli alimenti con la piccola quantità di enzimi in essa contenuti (secrezione scarsa e vischiosa determinata dall’ortosimpatico e secrezione acquosa, fluida e abbondante data, invece, dal parasimpatico).

Nervo Facciale

By Patrick J. Lynch, medical illustrator – Patrick J. Lynch, medical illustrator, CC BY 2.5

Fontehttps://commons.wikimedia.org

 NERVO GLOSSOFARINGEO

→Al nervo glossofaringeo (IX) appartengono le fibre pre-gangliari parasimpatiche destinate alla ghiandola parotide e alle ghiandole salivari minori che traggono origine a livello del nucleo salivare inferiore del ponte.

Giunte a livello del ganglio petroso, ganglio inferiore del nervo posto in prossimità del foro giugulare, tali fibre si continuano nel nervo timpanico di Jacobson (collaterale del IX nervo cranico) e insieme ad esso percorrono la cassa timpanica, nella rocca petrosa, fino al punto in cui il nervo timpanico cambia nome, diventando nervo piccolo petroso superficiale. Fanno, dunque, nel tetto della fossa infratemporale, sinapsi nel ganglio otico, annesso al nervo mandibolare (V3), e assieme a rami di quest’ultimo, giungono, infine, alle ghiandole salivari minori linguali e faringee e alla parotide (tramite il nervo auricolo-temporale).

ganglio otico

 NERVO VAGO

→ Molto più articolato è il parasimpatico annesso al nervo vago (X).

Questo nervo raccoglie, infatti, circa l’80 % di fibre parasimpatiche provenienti dai nuclei bulbari motore dorsale del vago e ambiguo, le quali poi si distribuiranno alla maggior parte dei visceri toracici e addominali. Le fibre pre-gangliari seguono, così, il decorso del nervo, discendendo nel torace e raggiungendo l’addome. Si dipartono da esso facendo sinapsi a livello di gangli posti in periferia, nelle vicinanze degli organi da innervare.

Guardiamo ora gli effetti del nervo vago sugli organi bersaglio:

cuore: riduce frequenza cardiaca, la gittata e la velocità di trasmissione degli impulsi, diminuendo la quantità di sangue mandata in circolo e la pressione arteriosa;

polmoni: induce costrizione dei bronchioli e bronchi (si riduce diametro) e aumenta secrezione delle ghiandole bronchiali;

innerva la mucosa e la muscolatura liscia di quasi tutto l’apparato digerente (faringe, esogafo, stomaco, duodeno, digiuno, ileo, colon ascendente e colon trasverso fino al punto di Cannon-Bohm) stimolando la peristalsi e la secrezione delle ghiandole intercalate nelle tonache delle pareti dei vari organi;

stomaco: stimola produzione di succo gastrico;

cistifellea: ne induce la contrazione e, tramite l’inibizione dello sfintere di Oddi, l’emissione della bile nel duodeno;

pancreas: stimola secrezione di insulina da parte delle cellule di Langherans e del succo pancreatico dalla porzione esocrina;

vasi polmonari: vasodilatazione.

PARASIMPATICO SACRALE

I neuroni pre-gangliari del parasimpatico sacrale originano dai corni laterali del segmento sacrale del midollo spinale e decorrono tra le fibre somatiche del 2°-3°-4° nervo spinale sacrale, distribuendosi, così, al plesso sacrale e al plesso pudendo. Alcuni nervi viscerali, che si dipartono dai nervi spinali, raggiungono i gangli posti in prossimità degli organi bersaglio indipendentemente, mentre altri raggiungono il plesso ipogastrico o il plesso pelvico, di competenza del sistema nervoso simpatico, e tramite le loro ramificazioni raggiungono gli agglomerati gangliari a loro destinati.

I neuroni post-gangliari controllano:

la muscolatura liscia e la mucosa dell’ultima porzione del colon trasverso (punto di Cannon-Bohm), il colon discendente, sigma e retto, stimolandone la peristalsi e la secrezione ghiandolare;

contrazione del muscolo detrusore della vescica;

inibizione degli sfinteri rettale e ureterale (defecazione e minzione);

azione vasodilatatrice sui corpi cavernosi del pene e del clitoride.

ARTICOLI CORRELATI

Sistema nevoso enterico

Sistema nervoso periferico

Sistema nevoso simpatico

Sistema nervoso centrale

Bibliografia:

  • Gray – Drake, Anatomia del Gray, Elsevier Masson 2009;
  • G. Anastasi – G. Balboni, Trattato di Anatomia umana, Edi-Ermes IV 10/2006.

Trova l’argomento che più ti interessa.

Hai bisogno di aiuto? Di un consulto?

Contatta il professionista più vicino!

Professionista osteolab

Sostieni il blog!

Cliccando sul bottone potrai dare il tuo contributo per il lavoro che svogliamo. Come utilizziamo le entrate del sito? Leggi Qui!

0 commenti

Pin It on Pinterest

Shares
Share This