Liquor cerebrospinale: proprietà, funzioni e formazione

Indice

L’encefalo è contenuto nella cavità cranica, circondato da una capsula ossea, il midollo spinale invece è situato nello speco vertebrale e delimitato, quindi, dalle vertebre stesse. Entrambe queste strutture sono rivestite dalle meningi, definite rispettivamente dall’esterno all’interno, dura madre, aracnoide e pia madre; lo spazio compreso tra l’aracnoide, in stretta correlazione con la dura madre e la superficie esterna del SNC, intimamente ricoperta dalla pia madre, è definito spazio subaracnoideo ed è riempito di liquido  che prende il nome di liquor cerebrospinale o cefalorachidiano. Il SNC è quindi protetto in ogni sua parte sia da strutture ossee che dal liquor cerebrospinale, il quale, agisce come cuscinetto liquido. È definito “acqua di roccia” poichè assolutamente limpido.

Circolazione del liquido cefalorachidiano

By Alan Hoofring –  Public Domain.

Fonte: https://visualsonline.cancer.gov/

Il liquor cerebrospinale è una sostanza trasparente che bagna il nevrasse, è contenuto nel tessuto aracnoideo (subaracnoideo), all’interno dell’asse osseo cranio-rachideo. Esso circola anche nelle guaine perivascolari e nei gangli cervicali toracici e lombari. Permea la corteccia cerebrale, il midollo spinale, i globi oculari e occupa anche gli spazi interni del SNC, quali i ventricoli e il canale ependimale. Si presenta come liquido trasparente rinnovato ogni 6h, ossia 3-4 volte al giorno in condizioni fisiologiche. È un ultra filtrato di plasma che comprende: proteine, cloruri, glucidi e praticamente nessun elemento figurato.

 Formazione del liquor cerebrospinale

Il liquor cerebrospinale è secreto dai plessi coroidei situati sui tetti dei ventricoli. Questi plessi sono dei complessi ciuffi di vasi sanguigni che sporgono nei ventricoli in corrispondenza di determinate zone della parete. Tale parete si trova sulla faccia mediale dell’emisfero (lamina corioidea) si assottiglia durante lo sviluppo embrionale, in modo da essere spinta lateralmente nel lume del ventricolo dai vasi della pia madre, che aderisce alla superficie esterna. All’inizio dello sviluppo embrionale ogni ciuffo di vasi è coperto da uno strato di cellule epiteliali che formano l’epitelio del plesso. Il plesso maturo possiede, quindi, due componenti: il tessuto connettivo della pia madre con i vasi e lo strato epiteliale; esso sporge all’interno della cavità del ventricolo ed è collegato alla pia madre esterna attraverso una fessura (fessura corioidea). Conforme alla rotazione dell’emisfero il plesso forma lungo la parete mediale del ventricolo un semicerchio, che si estende dal forame interventricolare di Monro fino al corno inferiore (o temporale). Il corno anteriore (o frontale) ed il corno posteriore (o occipitale)non contengono, invece, alcun plesso. Il plesso coroideo presenta quindi una superficie vasta ed estremamente convoluta. Ogni diramazione contiene arterie, capillari e caverne venose; tutti i vasi sono circondati da connettivo e collagene.

Il plesso corioideo è considerato il luogo di produzione del liquor. È qui, infatti, che il tessuto arterioso meningo-encefalico lascia filtrare dai suoi vasi fini, per dialisi, il plasma che diventa appunto liquor. Essi sono situati su:

  • Ventricoli laterali;

  • Terzo ventricolo;

  • Quarto ventricolo;

  • Seno destro.

 Circolazione

I ventricoli laterali ricevono liquor cerebrospinale dai plessi corioidei laterali. Il LCR raccolto in questi ventricoli arriva al III ventricolo tramite il forame di Monrò e si mescola al liquor del III ventricolo stesso, prodotto dai plessi coroidei mediani. In seguito il liquor attraverso l’acquedotto del Silvio (situato in corrispondenza della Sincondrosi sfeno-basilare o SSB), si congiunge con il liquor prodotto nel IV ventricolo e da qui passa, attraverso i due fori laterali di Luscka e il foro mediano di Magendie, nel compartimento periferico costituito dagli spazi sotto aracnoidei. Una parte, tuttavia, dal quarto ventricolo si continua nel canale ependimale all’interno del midollo spinale.

Liquor cerebrospinale

Luoghi di stoccaggio del LCR:

  • Confluente antero-superiore: dal chiasma alla protuberanza anulare;

  • Confluente antero-inferiore: cisterna basale in continuità con il confluente antero-superiore, dal bulbo alla protuberanza anulare;

  • Confluente antero-laterale: Silvio a livello del segmento inferiore della scissura di Silvio;

  • Confluente postero-inferiore: grande cisterna tra il bulbo e il cervelletto;

  • Confluente postero-superiore: al di sopra del cervelletto;

  • Confluente postero-laterale o ponto cerebellare: tra la protuberanza anulare e il cervelletto;

  • Confluente midollare che circonda il midollo dal bulbo al cul de sac duramerico.

 Riassorbimento

Il liquor viene riassorbito quando la sua pressione supera quella venosa con un gradiente pressorio superiore a 7mm/Hg. Il riassorbimento si effettua sia attraverso vie venose che vie linfatiche:

  • Del liquido interstiziale verso il sangue venoso;
  • Del liquido interstiziale verso vie linfatiche canale toracico e vena succlavia sinistra;
  • Del liquido intrstiziale verso i seni venosi cranici, in particolare il seno longitudinale superiore con le granulazioni del Pacchioni che formano dei bottoni aracnoidei estroflessi all’interno del lume venoso.

 Funzioni

  • Protezione del sistema nervoso centrale da urti contro strutture ossee che lo contengono;

  • Assieme al sangue permette di controllare modificazioni dell’ambiente interno→esempio: modificazioni di CO2 nel liquor fanno scattare risposte automatiche dei centri respiratori del tronco cerebrale che a loro volta regolano il rifornimento di O2 e Ph del corpo;

  • Riduce il peso dell’encefalo e consente la sua perfusione ad un livello costante trovandosi al di sopra della pompa cardiaca;

  • Assicura il trasporto di ormoni, neurotrasmettitori (serotonina), proteine (albumina e globuline specifiche), anticorpi (immunoglobuline, anticorpi virali);

  • È un ultrafiltrato che riceve i residui cellulari e assicura il trasporto dei nutrienti, è l’intermediario tra il sangue e le cellule.

ARTICOLI CORRELATI

Meningi

Ventricoli cerebrali

Bibliografia:

Trova l’argomento che più ti interessa.

Hai bisogno di aiuto? Di un consulto?

Contatta il professionista più vicino!

Professionista osteolab

Sostieni il blog!

Cliccando sul bottone potrai dare il tuo contributo per il lavoro che svogliamo. Come utilizziamo le entrate del sito? Leggi Qui!

0 commenti

Invia un commento

Pin It on Pinterest

Shares
Share This