RENDITI VISIBILE

Pubblicizza la tua attività anche in modo gratuito su Osteolab. Permetti ai pazienti di trovarti e contattarti per un appuntamento...

APPUNTI DI MEDICINA

Nella formazione di ogni osteopata è di fondamentale importanza la conoscenza della medicina tradizionale...

APPUNTI DI OSTEOPATIA

Ricerche e appunti integrati di Medicina Osteopatica. Appunti di Osteopatia Viscerale, Strutturale e Craniosacrale...

COS’È L’OSTEOPATIA

L'Osteopatia rientra nella branca delle medicine complementari. Lo scopo dell’osteopatia è quello...

SEZIONE VIDEO

Raccolta di video didattici e dimostrativi delle varie tecniche di ascolto e normalizzazioni osteopatiche...

MAPPE CONCETTUALI

Strumenti di studio molto efficaci che permettono di memorizzare e ripassare una grande quantità di informazioni in modo rapido ed efficace...

SHOP

Strumenti utili, se non indispensabili all'esercizio della professione, riportiamo prodotti che reputiamo...

CRP (catena retta posteriore)

Comprende tutto il tratto di colonna che va da D1 alla zona lombare. L’attivazione di questa catena viene attivata dalla flessione del tronco, quando i muscoli spinali della colonna si trovano stirati. Con una contrazione concentrica, i suddetti tendono a ristabilire la lordosi lombare, simulando la corda che tende un arco, rappresentato dalla colonna vertebrale lombare.

Per il raddrizzamento del corpo, fondamentale muscolo anteriore è il diaframma, posteriormente dai muscoli profondi del dorso.

L’autoraddrizzamento è dato principalmente dall’azione di 2 muscoli:

  • Spinale (mediale);
  • Semispinale (più esterno).

Lo spinale ha un’azione sinergica con il diaframma.

Mentre la colonna dorsale si raddrizza, il diaframma tira in avanti le vertebre mentre lo spinale blocca l’azione fatta dal diaframma sulle vertebre L1-L2 permettendo così di fissare la zona trazionata. Questo permette la stabilizzazione del tratto basso dorsale e alto lombare.

Per l’autoraddrizzamento agiscono altri fattori:

  • La regione aponeurotica interscapolare con azione tensiva;
  • Grazie alle pressioni interne e all’autoappoggio, si limita la caduta in avanti del corpo;
  • Lo sterno permette al corpo di autoappoggiarsi;
  • Gli addominali danno un appoggio sano al diaframma permettendogli così di non essere un sistema autoportante.

Quando queste funzioni sono rispettate si ha il miglior equilibrio e confort per la colonna vertebrale.

Quando vengono reclutati muscoli non adatti a mantenere la postura, quindi muscoli non posturali, ma fasici, un sintomo molto comune sarà la fatica seguita da una contrattura del muscolo in questione.

La CPR segue a livello degli arti inferiori con la catena di estensione.

Vari Relè:

  • Relè con la scapola: Trapezio (inf raddrizza regione lombare, medio raddrizza regione dorsale);
  • Relè con arto superiore: Grande dorsale, Grande rotondo;
  • Relè con la colonna cervicale: trasverso spinoso, splenio del collo;
  • Relè con la testa: splenio della testa;
  • Relè con arto inferiore: fasci grande gluteo.

Allungamento CPR:

  • Allungare la CPR con insistenza sugli arti inferiori;
  • Eseguire RPG Souchard (Obiettivo del metodo è quello di allungare i muscoli della statica e i muscoli sospensori, accorciando nel contempo i muscoli della dinamica. Si lavora sull’accorciamento compensatorio in quanto “essere globali significa correggere tutto contemporaneamente. Solo la simultaneità delle correzioni permette di far emergere la causa”. Le diverse posture permettono di allungare tutte le catene muscolari irrigidite, associando tra loro le possibili combinazioni. La respirazione, soprattutto l’espirazione, riveste una grande importanza. Anche il respiro porta verso la consapevolezza che il movimento è la vita).

Utile da sapere

  • Lo svolgimento addominale crea un aumento della lordosi lombare;
  • Il ripiegamento addominale diminuisce la lordosi lombare, flexum ginocchio.

ARTICOLI CORRELATI

Generalità

Della statica

Crociata anteriore

Retta anteriore

Crociata posteriore

Bibliografia:

  • L. Busquet, Le Catene muscolari, Marrapese 1993.

Trova l’argomento che più ti interessa.

Hai bisogno di aiuto? Di un consulto?

Contatta il professionista più vicino!

Professionista osteolab

Sostieni il blog!

Cliccando sul bottone potrai dare il tuo contributo per il lavoro che svogliamo. Come utilizziamo le entrate del sito? Leggi Qui!

0 commenti

Invia un commento

Pin It on Pinterest

Shares
Share This