OSTEOPATIA DELL’OSSO SACRO E DEL COCCIGE

L’osso sacro è un osso impari e mediano. È curvo e ricorda un cuneo, completa il confine dorsale della pelvi. Situato alla base della colonna vertebrale lombare, con la quale forma un angolo da 90° a 130°, sporge anteriormente formando il promontorio sacrale. Si articola lateralmente con le due ossa iliache e al di sotto con il coccige.

Sacro e coccige

Fisiologia osteopatica dell’osso sacro

Il meccanismo respiratorio primario (MPR) include la mobilità involontaria e fisiologica dell’osso sacro fra le ossa iliache. Questo movimento è coordinato ed esiste in quanto l’osso sacro è collegato all’occipite dal sistema delle meningi (corelink) che determinano la connessione tra la sfera craniale e quella pelvica. Il movimento del sacro avviene attorno all’asse respiratorio dello stesso, posto posteriormente a livello del secondo segmento sacrale (S2) o legamento assile, tra il corto e lungo braccio. L’osso sacro oscilla in un arco tra le due ossa iliache. Il movimento è paragonabile al meccanismo combinato fulcro-perno del processo giugulare nel cranio per il movimento occipitale tra i temporali.

L’osso sacro effettua movimenti di nutazione e contronutazione su un asse passante per S2 a livello del legamento assile (Sutherland), che è lo stesso livello dell’asse biomeccanico che passa per l’unione del corto e lungo braccio dell’auricola sacrale. È un asse trasverso che predispone a movimenti su un piano sagittale.

Durante la fase di flessione la base cranica sale (basion e il foro occipitale si trovano in alto), trazionando verso l’alto il tubo durale e muovendo così l’osso sacro, la cui base si porta postero-superiormente percorrendo il lungo braccio, mentre l’apice si muove anteriormente verso la sinfisi pubica. Il sacro dunque tenderà a verticalizzarsi. Nella fase di estensione cranica si verifica un ritorno elastico e a una posizione neutrale del sacro.

I movimenti del sacro sono fondamentali nella biomeccanica del sistema muscolo scheletrico. Oltre ai movimenti conosciuti di nutazione e contronutazione, il sacro possiede altri movimenti adattativi come i movimenti di inclinazione e torsione, fondamentali nel corso dei movimenti della colonna vertebrale.

Fisiologia osteopatica del coccige

Il Coccige è un osso piccolo a sommità inferiore, appiattito. Si articola con l’osso Sacro che lo sovrasta. È formato dall’unione di 3 vertebre atrofizzate.

Nella fase inspiratoria (flessione cranica) tende a verticalizzarsi, posteriorizzando la punta, nella fase espiratoria (estensione cranica) tende a orizzontalizzarsi.

SICURO DI NON AVERNE BISOGNO? DAI UN’OCCHIATA!

ARTICOLI CORRELATI

Bibliografia:

  • G. Anastasi – G. Balboni, Trattato di Anatomia umanaEdi-Ermes IV 10/2006;
  • CAPOROSSI R., PEYRALADE F.: Traité pratique d`ostéopathie cranienne, Editions S.I.O. De Verlaque, France, 1992;
  • UPLEDGER J. E.: Terapia cranio-sacrale, Ed. Marrapese, Roma, 1997.

 

Trova l’argomento che più ti interessa.

Hai bisogno di aiuto? Di un consulto?

Contatta il professionista più vicino!

Professionista osteolab

Sostieni il blog!

Cliccando sul bottone potrai dare il tuo contributo per il lavoro che svogliamo. Come utilizziamo le entrate del sito? Leggi Qui!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This