SUTURE DIRETTRICI: FUNZIONE E LOCALIZZAZIONE

Le suture rappresentano quella tipologia di articolazione definite immobili. Esse sono distribuite in varie parti del corpo ma maggiormente a livello cranico. Attraverso diversi studi effettuati tramite luce infrarossa sull’osso cranico post mortem, si è osservato che tale luce, riesce ad oltrepassare le suture dimostrando così che non sono delle articolazioni fisse ma, permettono un certo grado di mobilità seppur molto limitata. È possibile asserire, dunque, che le ossa craniche non sono fisse, ma presentano un certo grado di mobilità. A livello cranico troviamo tre suture molto importanti, denominate suture direttrici che citandole postero-anteriormente sono rappresentate da:

  • Sutura occipito-mastoidea;
  • Sutura sfeno-squamosa;
  • Sutura sfeno-frontale.
Suture direttrici

FonteWikipedia.

Disposizione nello spazio delle suture direttrici

Le suture direttrici si dispongono lungo i tre piani dello spazio. Tale disposizione è importantissima e non casuale. Essa permette, insieme alle altre suture e alla loro mobilità, la crescita del cranio, inoltre, nello specifico, permettono l’espansione cranica e quindi l’MRP su tutti i piani dello spazio. Ogni sutura direttrice risulta orientata su un particolare piano spaziale:

  • Sutura occipito-mastoidea->piano para-sagittale;
  • Sutura sfeno-squamosa->piano para-frontale;
  • Sutura sfeno-frontale->piano para-trasversale.

Trattamento osteopatico

Le suture possono essere trattate in differenti modi:

  • Ad inseguimento->alla flessione dell’occipite corrisponde una flessione del temporale (rotazione esterna);
  • Contro barriera->alla flessione dell’occipite corrisponde una estensione del temporale (rotazione interna).

Inoltre è possibile effettuare la correzione in biocinetica o in biomeccanica. Nella biomeccanica bisogna sincronizzarsi con l’MRP e la correzione sarà ad inseguimento, poichè alla flessione craniale, faremo corrispondere la flessione delle due ossa che prendiamo in esame. Nella biomeccanica, non si fa altro che assecondare il movimento osseo fisiologico.

Nella biocinetica non bisogna avere considerazione dell’MRP.

 Sutura occipito-mastoidea

Il paziente viene posizionato in decubito dorsale, operatore alla testa del paziente. Le ossa che prenderemo in considerazione saranno l’occipite ed il temporale. Con una mano impugna l’occipite, con l’altra mano si posiziona o sulla mastoide (mastoide tra indice e pollice), o si prende contatto con il temporale in toto tramite la presa a farfalla. Si tratterà la sutura attraverso l’uso della metodica ad inseguimento o contro barriera.

 Sutura sfeno-squamosa

Il paziente viene posizionato in decubito dorsale, operatore alla testa del paziente. Le ossa che prenderemo in considerazione saranno il temporale e lo sfenoide, nello specifico si andrà a lavorare sull’articolazione che viene a crearsi tra la grande ala dello sfenoide e la porzione squamosa del temporale. Si prende contatto con la grande ala dello sfenoide con il pollice, con il temporale tramite la presa a farfalla. Si tratterà la sutura attraverso l’uso della metodica ad inseguimento o contro barriera.

 Sutura sfeno-frontale

Il paziente viene posizionato in decubito dorsale, operatore alla testa del paziente. Le ossa che prenderemo in considerazione saranno il frontale e lo sfenoide, nello specifico si andrà a lavorare sull’articolazione che viene a crearsi tra la grande ala dello sfenoide ed il frontale. Si blocca il frontale e si prende contatto con la grande ala dello sfenoide tramite il pollice. Si tratterà la sutura attraverso l’uso della metodica ad inseguimento o contro barriera.

ARTICOLI CORRELATI

Generalità

Fori della base

Ossa craniche

Vertigini

Adattamenti base

Liquor e ventricoli

Ovattamento

Cefalea

Mobilizzare i temporali

V-Spread

Bibliografia:
  • UPLEDGER J. E.: Terapia cranio-sacrale, Red Edizioni, Novara, 1996;
  • Appunti personali.

Trova l’argomento che più ti interessa.

Hai bisogno di aiuto? Di un consulto?

Contatta il professionista più vicino!

Professionista osteolab

Sostieni il blog!

Cliccando sul bottone potrai dare il tuo contributo per il lavoro che svogliamo. Come utilizziamo le entrate del sito? Leggi Qui!

0 commenti

Invia un commento

Pin It on Pinterest

Shares
Share This