INTRODUZIONE ALL’OSTEOPATIA CRANIALE

Il sistema cranio sacrale può essere definito un sistema fisiologico funzionale che si basa sulla funzione delle seguenti strutture:

  • Le membrane Meningee;

  • Le strutture ossee su cui si inseriscono le suddette membrane;

  • Le strutture di tessuto non osseo (connettivo) che si relaziona con le MRT;

  • Il liquido cefalo rachidiano;

  • Tutte le strutture che sono adibite alla produzione e riassorbimento di tale liquido.

Il sistema cranio sacrale risulta legato a molti sistemi, influenzandoli e rimanendo influenzato esso stesso da tali strutture:

Una qualsiasi anomalia, presente in questi sistemi o apparati, può influenzare il sistema cranio sacrale. Esso rappresenta il cuore dello sviluppo del sistema nervoso centrale. Dal punto di vista funzionale. Esiste uno stretto legame tra il sistema cranio sacrale e il sistema nervoso centrale, il sistema nervoso autonomo, il sistema neuromuscoloscheletrico e il sistema endocrino.

Terapia cranio sacrale

La terapia cranio sacrale è un approccio terapeutico molto efficace basato su alcune osservazioni anatomiche, fisiologiche e cliniche.

Caratteristiche del sistema cranio sacrale

Tale sistema è caratterizzato da un’attività ritmica, indipendente dagli altri ritmi fisiologici dei diversi apparati come il respiratorio e il cardiovascolare. Il sistema possiede le caratteristiche di un sistema idraulico semichiuso. Tale sistema è rappresentato dalla dura madre, impermeabile ai liquidi, che racchiude, al suo interno il liquido cefalorachidiano. Il flusso di tale liquido è possibile grazie alla presenza di strutture, plessi corioidei che lo producono e i villi aracnoidei (granulazioni del pacchioni) che lo riassorbono. Proprio grazie alla presenza di queste strutture, la struttura può essere definita semichiusa. Essendo presente il liquido cefalorachidiano, il sistema idraulico si comporta come un qualsiasi altro sistema contenente acqua, quindi qualsiasi forza esercitata sul liquido, si trasmetterà in tutte le direzioni in modo uniforme. Questa caratteristica permette al sistema di corrispondere ad una terapia di “largo raggio”.

Sistema cranio sacrale

La frequenza del ritmo è di 6-12 cicli al minuto. Esso è un parametro di fondamentale importanza poiché varia in presenza di patologie, che hanno la facoltà di far variare tale ritmo da minore ai 6 cicli/minuto a maggiore ai 12 cicli/minuto. Es. il ritmo si presenta aumentato (>12 cicli/minuto) in pazienti che soffrono di malattie acute spesso accompagnata da stati febbrili. Viceversa il ritmo si presenta diminuito (<6 cicli/minuto).

In situazioni fisiologiche, il ritmo oscilla dentro il range sopracitato (6-12 cicli/minuto), oscillazioni simili a quelle che si verificano nell’apparato cardiovascolare e respiratorio.

ARTICOLI CORRELATI

Adattamenti base

Liquor e ventricoli

Ovattamento

Vertigini

Cefalea

Mobilizzare i temporali

Suture direttrici

Fori della base

Ossa craniche

V-Spread

Bibliografia:
  • CAPOROSSI R., PEYRALADE F.: Traité pratique d`ostéopathie cranienne, Editions S.I.O. De Verlaque, France, 1992;
  • UPLEDGER J. E.: Terapia cranio-sacrale, Red Edizioni, Novara, 1996.

Trova l’argomento che più ti interessa.

Hai bisogno di aiuto? Di un consulto?

Contatta il professionista più vicino!

Professionista osteolab

Sostieni il blog!

Cliccando sul bottone potrai dare il tuo contributo per il lavoro che svogliamo. Come utilizziamo le entrate del sito? Leggi Qui!

0 commenti

Invia un commento

Pin It on Pinterest

Shares
Share This