RENDITI VISIBILE

Pubblicizza la tua attività anche in modo gratuito su Osteolab. Permetti ai pazienti di trovarti e contattarti per un appuntamento...

APPUNTI DI MEDICINA

Nella formazione di ogni osteopata è di fondamentale importanza la conoscenza della medicina tradizionale...

APPUNTI DI OSTEOPATIA

Ricerche e appunti integrati di Medicina Osteopatica. Appunti di Osteopatia Viscerale, Strutturale e Craniosacrale...

COS’È L’OSTEOPATIA

L'Osteopatia rientra nella branca delle medicine complementari. Lo scopo dell’osteopatia è quello...

SEZIONE VIDEO

Raccolta di video didattici e dimostrativi delle varie tecniche di ascolto e normalizzazioni osteopatiche...

MAPPE CONCETTUALI

Strumenti di studio molto efficaci che permettono di memorizzare e ripassare una grande quantità di informazioni in modo rapido ed efficace...

SHOP

Strumenti utili, se non indispensabili all'esercizio della professione, riportiamo prodotti che reputiamo...

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DELLA PTOSI RENALE

I reni risultano separati dalla porzione toracica dal diaframma, il quale lateroinferiormente forma il seno costodiaframmatico destro e sinistro. Esso può essere anche la causa di ptosi renale, infatti quando si riempie di liquido, derivante da processi infiammatori o differenti cause, tale recesso va a spingere il fegato verso il basso e di conseguenza, in questo caso anche il rene destro.

Tecnica con lo psoas nella ptosi renale di 1° e 2° grado

L’esecuzione di tale tecnica dipende dal grado di mobilità del paziente. Posizione del paziente in decubito supino con una gamba leggermente abdotta e fuori dal lettino per rispettare l’asse di movimento del rene e la controlaterale flessa. L’operatore si posiziona a cavallo della gamba in leggera abduzione. Viene fissato il polo inferiore del rene e bloccata la gamba tra le gambe dell’operatore. Viene chiesto al paziente di effettuare una spinta della gamba abdotta verso il soffitto in apnea inspiratoria. Il paziente in questo modo effettua una contrazione isometrica dello Psoas mantenendo un’apnea inspiratoria. Sul rilascio, quindi in espirazione, l’operatore allunga la fascia renale sostenendo la gamba del paziente. Questa tecnica usa lo psoas per riportare in sede il rene ptosico.

Tecnica diretta nella ptosi renale di 1° e 2° grado

Il paziente viene posizionato in decubito supino. L’operatore alla testa del paziente controlaterale al rene ptosico. Si posiziona controlaterale perché così l’operatore viene a trovarsi l’ungo l’asse di movimento fisiologico del rene. L’operatore prende contatto con il polo inferiore del rene ptosico con le due mani e aiutandosi con la respirazione del paziente, trattiene in inspirazione e guadagna, seguendo l’asse del rene, in espirazione. Mentre guadagna può creare una leggere vibrazione per rendere meno fastidiosa la tecnica al paziente.

Tecnica diretta sulla extrarotazione renale nella ptosi di 2° grado

Nella ptosi di II grado, il rene si presenta nella sua massima extrarotazione. Pertanto il II grado rappresenta il più sintomatico. L’extrarotazione mantenuta del rene crea uno stiramento del compartimento nervoso (Sottocostale, ileoipogastrico, ileoinguinale). La normalizzazione avviene in decubito laterale. La mano del paziente viene posizionata sulla sua mammella. L’operatore si posiziona anteriormente al paziente e inserisce il pollice sul punto di Grynfelt che si trova andando caudalmente dalla doicesima costa sul punto di minore densità, prima di arrivare sul quadrato dei lombi. L’operatore chiude in chiave la spalla del paziente facendogli effettuare un side verso la cresta iliaca omolaterale e una rotazione posteriore. La normalizzazione avviene con l’aiuto della respirazione del paziente. In inspirazione si trattiene, in espirazione si guadagna andando a dare in input di intrarotazione al rene.

ARTICOLI CORRELATI

Fascia di toldt

Uretere

Fascia renale

Valutazione del rene

Uraco

Vena renale

Bibliografia:
  • J. P. BARRAL, P. MERCIER: L’osteopatia viscerale, Edizione italiana, Castello Editore, 1998;
  • Appunti personali.

Trova l’argomento che più ti interessa.

Hai bisogno di aiuto? Di un consulto?

Contatta il professionista più vicino!

Professionista osteolab

Sostieni il blog!

Cliccando sul bottone potrai dare il tuo contributo per il lavoro che svogliamo. Come utilizziamo le entrate del sito? Leggi Qui!

0 commenti

Invia un commento

Pin It on Pinterest

Shares
Share This