TGO (Spalla in decubito laterale)

 ScapolaScapola-scollamento

POSIZIONE ED ESECUZIONE DELLA TECNICA SULLA SPALLA

L’operatore è in affondo con entrambe le gambe e si pone omolaterale al lato del decubito del paziente. L’operatore afferra e mobilizza la scapola del paziente. Tale mobilizzazione può essere preceduta da una manovra di scollamento portando l’arto superiore in rotazione interna massima (avambraccio piegato a 90° e posizionato dietro la schiena del paziente) e cercando di liberare le fibre muscolari in tutte le direzione dello spazio. Una volta liberati i tessuti si avvolge la scapola con la mano craniale a livello della spina scapolare e con la mano caudale a livello dell’angolo inferiore per poi terminare compiendo delle circonduzioni.

SUCCESSIVAMENTE

Secondariamente l’operatore si pone si affondo con la gambe (esterna avanti), il paziente rimane in decubito laterale. Si pongono i pollici sotto al cavo ascellare scavalcando tendini inserzionali dei muscoli grande pettorale e gran dorsale. Superiormente le dita si possono porre a livello della borsa deltoidea e compiendo movimenti di abduzione. Questa manipolazione può essere indicata in caso di impingement, conflitto sub-acromiale o per le sindromi di “spalla congelata. Spostando superiormente le dite nel terzo laterale della linea cucullare si monitora articolazione acromio-claveare, si può mobilizzare la clavicola o soffermarsi sull’articolazione sterno-costo-clavicolare.

Spalla-decubito-laterale

Numerose sono le patologie attribuite alla spalla che in realtà osteopaticamente risultano essere condizioni arginabili o totalmente risolvibili poiché derivanti da situazioni disfuzionali che interessano distretti limitrofi.

ARTICOLI CORRELATI

Anca

TGO Supino

Gomito e polso

TGO Prono

Bibliografia:
  • Marcello L. Marasco, Archi funzionali e biomeccanica vertebrale di John Martin Littlejohn, Marrapese 2009.

Trova l’argomento che più ti interessa.

Hai bisogno di aiuto? Di un consulto?

Contatta il professionista più vicino!

Professionista osteolab

Sostieni il blog!

Cliccando sul bottone potrai dare il tuo contributo per il lavoro che svogliamo. Come utilizziamo le entrate del sito? Leggi Qui!

0 commenti

Invia un commento

Pin It on Pinterest

Shares
Share This