La medicina fisiologica di regolazione, conosciuta anche con l’acronimo PRM, nasce dall’incontro della PNEI (psico-neuro-indocrino-immunologia), della Medicina Molecolare e della Nutraceutica.

Essa risulta essere l’espressione più innovativa della Low Dose Medicine.

La medicina fisiologica di regolazione è una medicina incentrata sulla persona con lo scopo di riportare alle condizioni fisiologiche originarie un organismo che manifesta la malattia. Tale processo avviene attraverso l’uso delle medesime molecole biologiche che, in un soggetto sano, hanno la funzione di guidarne e controllarne le funzioni. Lo scopo della PRM è la guarigione e il raggiungimento dell’omeostasi (equilibrio) dell’organismo.

 

PRM medicina fisiologica di regolazione

In questa immagine viene riportato il concetto di equilibrio

Le molecole che vengono utilizzate sono conosciute e studiate dalla Biologia Molecolare e definite dalla stessa “Messenger Molecules”, ovvero molecole trasportatrici con la funzione di veicolare le informazioni e le istruzioni alle cellule del corpo per il loro corretto funzionamento.

Le molecole utilizzate dalla PRM sono rappresentate da:

  • Neuropeptidi: formati da piccole e corte catene aminoacidiche. Tali molecole rappresentano i messaggeri del Sistema nervoso. Leggi di più sui neuropeptidi;
  • Ormoni: molecole impiegate nella trasmissione di messaggi del sistema endocrino;
  • Citochine: molecole messaggere del sistema immunitario.
  • Fattori di crescita: molecole di regolazione e stimolo tissutale.

E’ ormai appurato che l’eccesso o il difetto di queste sostanze, presenti un ruolo decisivo nella determinazione dello stato di salute o malattia di un individuo. Pertanto ogni malattia risulta essere caratterizzata da una alterata concentrazione di Messenger Molecules.

Funzione della medicina fisiologica di regolazione

I principi sui quali si basa la Physiological Regulating Medicine sono:

  • Curare non la malattia ma il malato;
  • Agire non sul sintomo ma sui processi che sono la causa del sintomo stesso;
  • Considerare l’uomo in maniera olistica (globale).

Ciò che contraddistingue la PRM è l’utilizzo di farmaci e delle tecnologie per la loro preparazione. L’attivazione dei bassi dosaggi, avviene tramite l’utilizzo della tecnica SKA (Sequential Kinetic Activation), scientificamente convalidata, che permette di stabilizzare le bio-molecole diluite in dosi minori dalla dose minima utilizzata nella farmacologia.

PRM: i Vantaggi

I vantaggi clinici della Medicina fisiologica di Regolazione sono molteplici. Per esempio, l’utilizzo delle citochine pivot, fondamentali nel passaggio da una situazione di salute ad una di malattia, possono essere utilizzati nella PRM con estrema sicurezza, secondo schemi di personalizzazione con lo scopo di ridurre la risposta terapeutica ed eliminando i loro effetti collaterali conosciuti se utilizzati con dosaggi farmaceutici.

Autore

Patrizia Rispoli

Social

Vuoi risolvere i tuoi problemi?

Shares
Share This