15 Dicembre 2015

L’operatore si pone dietro al paziente. E’ consigliabile porre sul lettino la gamba caudale. Con la mano caudale si afferra l’arto inferiore del paziente a livello del ginocchio. Si pone tenar e ipotenar della mano craniale in zona retrotrocanterica a bloccare la posteriorizzazione dell’articolazione coxofemorale. Il paziente può afferrare l’arto aderente al lettino o no, lo scopo è quello di cercare di mantenere la colonna rettilinea in modo da evitare di compensare l’estensione di coscia a livello delle lombari. Se la ricerca del movimento estensorio è difficoltoso, l’operatore può stendere il suo arto in appoggio sul lettino in modo da portarsi più avanti col busto e ricercare gradualmente l’allungamento dei muscoli quadricipitepsoas e sartorio.

Trattamento generale osteopatica anca decubito laterale

Trattamento dell’anca in decubito laterale

 

Bibliografia:

  • Marcello L. Marasco, Archi funzionali e biomeccanica vertebrale di John Martin Littlejohn, Marrapese 2009.
Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Prendi appuntamento

Benvenuto su OsteoLab!

Sono Angelo Terranova, CEO e Founder di OsteoLab, il laboratorio della salute. Cosa possiamo fare per te?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi i nostri ultimi articoli

Shares
Share This