L’omotossicologia od omeopatia antiomotossica è un metodo di cura appartenente all’area della medicina alternativa e una corrente e uno sviluppo dell’omeopatia. Essa ha una visione biologica del processo di guarigione. Con i farmaci omotossicologici si stimola la capacità di autoguarigione del paziente attraverso il ripristino delle sue capacità metaboliche, enzimatiche, immunologiche, emuntoriali, giungendo alla definitiva eliminazione del carico tossico, responsabile della malattia, raggiungendo così la guarigione.

Omotossicologia

Omotossicologia: come e quando nasce

Hans H. Reckeweg, medico omeopata, rivisitò l’omeopatia alla luce del processo biochimico e immunologico raggiunto in campo scientifico. Reckeweg sosteneva che “le malattie sono espressione della lotta dell’organismo contro le tossine”, al fine di neutralizzarle ed espellerle. Per essere più specifici, “sono l’espressione della lotta che l’organismo compie per compensare i danni provocati dalle tossine”. Disse inoltre, “un giorno costruirò un ponte tra l’omeopatia e l’allopatia”. Nel 1952 il “ponte” fu realizzato! Nasceva così l’Omotossicologia.

Alcuni definirono l’omotossicologia come l’omeopatia del 2000, altri un punto di incontro tra l’empirismo di Hahnemann (omeopatia), la filosofia medica orientale e il rigoroso scientismo occidentale.

L’omotossicologia, pur affondando le sue radici nell’omeopatia classica, utilizza la moderna fisiopatologia soprattutto in sede di diagnosi. Per quanto riguarda la terapia utilizza la farmacologia omeopatica moderna con un ampio ventaglio farmacologico con solide basi di sperimentazione.

Cosa cura l’omotossicologia

L’omotossicologia cura le stesse patologie e gli stessi disturbi che cura la medicina allopatica e l’omeopatia.

L’omotossicologia tratta e risolve le patologie che colpiscono:

  • L’apparato digestivo: mal di stomaco, pirosi gastrica (bruciore di stomaco), reflusso gastroesofageo;
  • L’apparato respiratorio: bronchite, raffreddore;
  • L’apparato immunitario;
  • L’apparato circolatorio;
  • L’apparato osteo-articolare.

Omeopatia antiomotossica: gli obiettivi

Obbiettivo dell’omotossicologia è quello di riequilibrare l’organismo, andando in profondità, cercando ed eliminando l’origine del problema. Ad esempio cercando l’origine di un fattore allergico o dell’acidità di stomaco piuttosto che l’origine di una cistite, dell’herpes, degli eczemi, dei dolori mestruali o della cellulite.

Autore

Patrizia Rispoli

Social

Vuoi risolvere i tuoi problemi?

Shares
Share This