Home     Chi siamo     Servizi     Dove siamo    Blog     Contatti

24 Gennaio 2017

La fascia di toldt è una lamina di tessuto connettivo fibroso. Essa corrisponde al foglietto anteriore della fascia renale che, in prossimità del Colon Ascendente e Discendente, viene rafforzata dal peritoneo parietale. Trova la sua origine nello sviluppo embriologico dell’intestino.

Fascia di toldt

Per il colon ascendentela fascia di toldt, si estende dalla flessura epatica al cieco, per il colon discendente, dalla flessura splenica al colon sigmoideo.

Fascia di toldt: funzione

La sua funzione è quella di mettere in comunicazione il colon ascendente con il discendente, inoltre fissa le strutture appena citate al peritoneo parietale posteriore.

La fascia di toldt si continua medialmente con la fascia di treitz che occupa la porzione posteriore del duodeno e del pancreas e rappresenta uno dei mezzi di fissità che li collegano agli organi retrostanti.

Trattamento della fascia di Toldt

Non esistono tecniche specifiche per il trattamento della fascia di toldt.

La fascia di toldt è una lamina di tessuto connettivo fibroso. Corrisponde al foglietto anteriore della fascia renale che, in prossimità del Colon Ascendente e Discendente, viene rafforzata dal peritoneo parietale. Essa trova la sua origine nello sviluppo embriologico dell’intestino.

Per trattare la fascia di Toldt si posiziona il paziente in decubito laterale. L’operatore si posiziona posteriormente e dal punto di Grynfeltt si sposta caudalmente fino a sentire il bordo posteriore del colon. Qui si andrà a scollare il colon ascendente o discendente andando così a lavorare tale fascia. Se il paziente dovesse avere troppo dolore, possiamo inserirci nel punto della fascia di Toldt e lavorarla in fasciale.

 

Bibliografia:

Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Autore

Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Newsletter

NewsLetter

Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli e promozioni!

Vuoi risolvere i tuoi problemi?

Leggi anche…

Articolazione temporo-mandibolare: valutazione e trattamento

Articolazione temporo-mandibolare: valutazione e trattamento

Non esiste una regola universale che porti l’osteopata a valutare l’apparato stomatognatico del paziente. Sicuramente l’esame obiettivo e l’anamnesi sono fondamentali per darci indicazione di valutazione. Ma quali sono i segni o sintomi che possono consigliare la...

Valutazione osteopatica del cranio: come ci approcciamo

Valutazione osteopatica del cranio: come ci approcciamo

La valutazione osteopatica del cranio, per un osteopata, risulta essere fondamentale nella ricerca della primarietà, ovvero la causa perturbante a cui si deve la sintomatologia presentata dal paziente. Ovviamente la valutazione delle ossa craniche e, di conseguenza,...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi i nostri ultimi articoli

Shares
Share This