Home     Chi siamo     Servizi     Dove siamo    Blog     Contatti

19 Gennaio 2017

Il Pube è un osso che contribuisce a formare l’acetabolo, da un ramo inferiore e da un ramo superiore. Il ramo superiore origina a livello della eminenza ileopubica e finisce con il tubercolo pubico. Il suo termine è sulla faccia sinfisaria che si affronta alla controlaterale attraverso la sinfisi pubica. Sotto la sinfisi si forma il ramo inferiore del pube che si unisce alla branca ischiatica formando il ramo ischiopubico.

Pube

Pube

Valutazione 1

Paziente in decubito supino. L’operatore si posiziona a fianco del paziente, posiziona i suoi pollici sopra le branche superiori del pube, destra e sinistra. La direzione di contatto è perpendicolare al lettino. Qui sarà possibile valutare la densità e la posizione nello spazio, rapportando le loro posizioni.

Valutazione 2

Paziente in decubito supino. L’operatore si posiziona lateralmente, posiziona i suoi pollici sulla porzione superiore delle branche superiori del pube. La direzione di contatto ha una direzione cranio-caudale. Qui potrà valutare sempre la densità, la disposizione nello spazio e rapportare le loro posizioni. Si chiederà al paziente di effettuare una intra ed extrarotazione degli arti inferiori. Nell’intrarotazione sarà possibile apprezzare il movimento del pube in inferiorità, nell’extrarotazione sarà possibile apprezzare il movimento del pube in superiorità.

Valutazione 3

Paziente in decubito supino. L’operatore si posiziona lateralmente, fletta l’anca del paziente a 90° e ne prende contatto con la mano caudale. Con la mano craniale prende contatto con la branca pubica superiore omolaterale all’anca flessa. Effettuerà movimenti di intra ed extrarotazione così da valutare la salita (superiorità) e la discesa (inferiorità) della branca pubica in esame.

Valutazione 4

Paziente in decubito supino. L’operatore si posiziona lateralmente e pone il pube tra tenar ed ipotenar della mano caudale. Si posiziona perpendicolarmente al lettino e pone la mano craniale sulla mano caudale. La mano caudale sarà quella che ascolterà, la mano craniale quella che spingerà per raggiungere il livello adeguato all’ascolto. L’ascolto consiste nel valutare la densità e la trazione fascialeLa valutazione diventa tecnica dal momento in cui si segue la trazione fasciale riscontrata.

Valutazione 5

Paziente in decubito supino. L’operatore si posiziona lateralmente e pone la sua mano caudale sul monte di venere. Si andrà a valutare la densità della porzione destra e sinistra e successivamente si rapporteranno le due parti tra loro.

 

Bibliografia:

  • Anastasi – G. Balboni, Trattato di Anatomia umana, Edi-Ermes IV 10/2006;
  • Appunti personali.
Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Autore

Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Newsletter

NewsLetter

Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli e promozioni!

Vuoi risolvere i tuoi problemi?

Ultimi articoli

Intestino e mal di schiena: collegamenti e soluzioni

Intestino e mal di schiena: collegamenti e soluzioni

Non sempre il mal di schiena è da attribuire ad un problema della colonna vertebrale, bensì a ciò che sta davanti ad essa e che si trova ad avere un rapporto molto, molto intimo! Si, parliamo proprio dell'intestino. In questo articolo parleremo di intestino e mal di...

Fibromialgia: dolori diffusi in tutto il corpo

Fibromialgia: dolori diffusi in tutto il corpo

Hai dolori diffusi in tutto il corpo? Mai sentito parlare di Fibromialgia? Ma siete veramente convinti di sapere esattamente di cosa stiamo parlando? La fibromialgia è una sindrome molto invalidante. Essa si presenta nel 3,8% nelle donne e nel 0,5% negli uomini. Nel...

Dolore al collo: text neck. La nuova malattia

Dolore al collo: text neck. La nuova malattia

Il dolore al collo definito come Text Neck, si riferisce al dolore, alla rigidità del collo dovuto alla posizione mantenuta nel tempo della testa durante la visione o l’invio di messaggi tramite smartphone. Indice delle informazioni che troverai nell’articolo Cause;...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Forse potrebbe interessarti anche…

Shares
Share This