Le coste sono ossa allungate, piatte, nel numero di dodici paia, articolate in avanti con lo sterno ed in dietro con le vertebre toraciche. L’articolazione con lo sterno non avviene direttamente, ma attraverso le cartilagini costali.

Le prime sette coste dette anche “vere “ possiedono cartilagini costali proprie che si uniscono allo sterno. Le altre cinque sono dette “false o asternali“. Di queste l’ottava la nona e la decima raggiungono lo sterno attraverso la fusione delle cartilagini costali tra loro e con quella della settima costa. L’undicesima e la dodicesima costa sono chiamate fluttuanti; non raggiungono lo sterno pur presentando una piccola cartilagine costale appuntita.

Coste

By OpenStax College – Anatomy & Physiology, Connexions Web site. http://cnx.org/content/col11496/1.6/, Jun 19, 2013., CC BY 3.0,

Fontehttps://commons.wikimedia.org/

Anatomia della costa

Le coste sono ossa piatte formate da una lamina esterna di tessuto compatto che racchiude osso spugnoso; si distinguono in testa, collo e corpo.

La testa della costa e’ l’estremità posteriore che, ingrossata, presenta una faccia articolare divisa in due faccette da una cresta ossea. Le due faccette si articolano con le faccette del corpo di due vertebre contigue.

Il collo che si presenta ristretto ed è percorso superiormente da una cresta; tra corpo e collo è presente un rilievo tozzo chiamato Tubercolo costale che presenta la faccia articolare per il processo trasverso della vertebra.

Il corpo si presenta appiattito con una faccia esterna convessa ed una faccia interna concava. Le facce sono separate da un margine superiore smusso ed un margine inferiore affilato.

Le coste si dirigono prima in senso mediolaterale, ma a livello dell’angolo costale deviano in senso anteromediale seguendo una torsione per cui la faccia esterna si rivolge verso l’alto. L’estremità anteriore si prolunga nella cartilagine costale.

Costa

By Henry Vandyke Carter – Henry Gray (1918) Anatomy of the Human Body (See “Book” section below)Bartleby.com: Gray’s Anatomy, Plate 123, Public Domain.

Fonte: https://commons.wikimedia.org

SICURO DI NON AVERNE BISOGNO? DAI UN’OCCHIATA! LEGGI LE RECENSIONI!

Bibliografia: