I nervi toracici, a differenza di tutti gli altri rami anteriori dei nervi spinali, decorrono indipendentemente l’uno dall’altro, senza formare plessi nervosi. Si contano dodici paia di nervi toracici, ognuno dei quali scorre nel proprio spazio intercostale e per questo motivo prendono il nome di nervi intercostali. Fa eccezione solamente l’ultimo nervo intercostale, che scorre sotto il margine di K12 e viene dunque definito nervo sottocostale.

Nervi toracici

By Henry Vandyke Carter – Henry Gray (1918) Anatomy of the Human Body (See “Book” section below)Bartleby.com: Gray’s Anatomy, Plate 819

Fontehttps://commons.wikimedia.org

I nervi intercostali sono nervi misti, assicurano infatti innervazione motoria ai muscoli della parete toracica e innervazione sensitiva alla cute corrispondente.

 

Nervi toracici: suddivisione e decorso

Ogni nervo intercostale, subito dopo il distacco del ramo posteriore, si dispone tra i muscoli intercostale interno e profondo, insieme ai vasi corrispondenti. Man mano che si avvicina all’angolo costale, raggiunge il margine inferiore della costa sovrastante, ponendosi insieme all’arteria e alla vena all’interno della doccia costale.

I primi sei nervi intercostali, giunti in prossimità dello sterno, bucano la parete toracica (muscolo intercostale interno, intercostale esterno e il grande pettorale), diventando sottocutanei e prendendo dunque il nome di rami cutanei anteriori; innervano la cute della regione antero-laterale del torace.

Gli ultimi sei nervi intercostali, invece, non hanno un decorso così orizzontale, ma piuttosto obliquo verso il basso, e, incrociando la cartilagine costale sottostante, si dispongono tra il muscolo obliquo interno e il trasverso dell’addome, innervando la cute anteriore dell’addome prendendo il nome di rami cutanei anteriori.

Il secondo, terzo, quarto ramo cutaneo anteriore vanno anche ad innervare la parte mediale della mammella attraverso i rami mammari mediali.

Nervi intercostali: rami collaterali

Rami cutanei laterali si staccano dai nervi intercostali a livello dell’angolo costale, perforano la parete muscolare, diventando sottocutanei. Innervano la cute della parete laterale del torace e addome, anastomizzandosi anteriormente con i rami cutanei anteriori e posteriormente con i rami laterali delle branche posteriori.

Il quarto, quinto e sesto ramo cutaneo laterale portano innervazione anche alla parte laterale della mammella attraverso i rami mammari laterali.

Il ramo cutaneo laterale del primo nervo intercostale, si porta all’ascella, innervandone la cute, anastomizzandosi, quindi, con il ramo cutaneo mediale del braccio (nervo sensitivo proveniente dal tronco mediale del plesso brachiale).

Il ramo del II nervo intercostale, invece, viene definito nervo intercosto-brachiale. Esso attraversa il cavo ascellare innervando la cute della metà superiore della parte posteriore e mediale del braccio, insieme al nervo cutaneo mediale del braccio e al ramo cutaneo posteriore del nervo radiale.

Rami anastomotici

  • Ogni nervo intercostale da un ramo comunicante bianco e uno o più rami comunicanti grigi;
  • Il primo e secondo nervo toracico partecipano alla formazione del plesso brachiale;
  • Il nervo sottocostale manda un contingente di fibre al plesso lombare.

SICURO DI NON AVERNE BISOGNO? DAI UN’OCCHIATA!

Bibliografia: