Last updated on Aprile 5th, 2020 at 11:55 am

L’operatore si pone in leggero affondo con gamba esterna in avanti. Si fa in modo che il piede del paziente contatti il suo sterno e con esso nonché con il movimento di tutto il corpo, si aiuti nel compiere globalmente movimenti ritmici flesso-estensori. Non è necessario alzare molto l’arto inferiore del paziente soprattutto nei casi di forte lassità dove si crea un forte recurvatum. In queste situazioni è bene porre un cuscino sotto al ginocchio del paziente.

NB. In tutti i posizionamenti si compie sempre una ritmata flesso-estensione.

Trattamento generale osteopatico delle interfalangee

Si bloccano i metatarsi con la mano interna e con quella esterna si fanno loro compiere movimenti di flesso estensione.

Piede-supino-1

Metatarso-falangee

Si pongono le mani allo stesso livello l’una con l’altra in modo che l’eminenza tenar e l’articolazione metacarpo falangea del pollice contattino la superficie plantare dei metatarsi. Globalmente si compie una flesso-estensione (flessione plantare-flessione dorsale) di caviglia e durante la flessione si cavizza il piede/avvicino i pollici mentre in estensione faccio l’opposto.

Piede-supino-3

Tarso-metatarsali (interlinea di lisfranc tra meso e avampiede)

Con la mano interna si bloccano i cuneiformi e cuboide, con la mano esterna si impugnano i metatarsi facendo loro compiere una flesso estensione al distretto.

Piede-supino-5

Scafoide-cuboide

Stessa dinamica che per le matatarsofalangee con la differenza che il contatto plantare con la coppia scafoide e cuboide è puntiforme (punta del polllice).

Piede-supino-4

Interlinea di chopart tra retro e mesopiede

Stessa dinamica che per le interfalangee e le tarso-metatarsali, la mano esterna blocca l’astragalo a livello del collo del piede e quella interna impugna il mesopiede. Si attua la medesima meccanica flesso estensoria.

Piede-supino-5

Sottoastragalica

Considerando che il calcagno sotto l’astragalo vira, beccheggia e rolla, facendo compiere una generale flesso estensione di caviglia e contattando il calcagno con la mano interna e bloccando con quella esterna l’astragalo, possiamo dire che grossolanamente avviciniamo e allontaniamo le mani rispettivamente in flessione plantare e dorsale.

Piede-supino-6

Tibio-tarsica

Si compiono movimenti globali di flesso estensione. Se si ampliano i movimenti creando tensione e ingaggiando le articolazioni fino all’occipite si possono fare valutazioni più generali.

 Piede-supino-7

Bibliografia:

  • Marcello L. Marasco, Archi funzionali e biomeccanica vertebrale di John Martin Littlejohn, Marrapese 2009.
Angelo Terranova

Angelo Terranova

Fondatore di OsteoLab, Autore

Ciao, mi chiamo Angelo Terranova e sono un Osteopata. La mia passione per l'osteopatia mi ha portato nel 2015 a fondare OsteoLab che, insieme ad alcuni fidati colleghi, mi impegno a mantenere sempre aggiornato.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Spero che l'articolo sia stato di tuo gradimento.

👇Qui sotto avrai la possibilità di votare l'articolo e di condividerlo con i tuoi amici 👇