Home     Chi siamo     Servizi     Dove siamo    Blog     Contatti

22 Gennaio 2017

È possibile trattare soltanto la vena renale sinistra. Questo perché la vena renale di sinistra ha una lunghezza tre volte maggiore rispetto alla destra. I trattamenti delle vena renale sinistra hanno lo scopo di aumentare il suo drenaggio, un cattivo drenaggio può  portare a problematiche di varicocele dell’apparato genitale. In vena renale di sinistra sfocia la vena testicolare od ovarica. Quest’ultima si anastomizza con la renale di sinistra formando un angolo di 90°. Tale angolo crea una resistenza al deflusso. In situazioni di non corretto o adeguato drenaggio venoso, possiamo incorrere in situazioni di varicocele sinistro. Trattando la vena renale sinistra possiamo trattare indirettamente tale problematica. Essa inoltre si trova attraversata anteriormente dall’arteria mesenterica superiore, che in determinate circostanze può provocare una pressione sulle pareti del vaso, alterando il corretto drenaggio venoso.

Vena renale sinistra

Vena renale sinistra: tecnica

Per trattare la vena renale di sinistra bisogna posizionare il paziente in decubito laterale destro. l’operatore si posiziona dorsalmente al paziente. La sua mano caudale prende contatto con l’addome del paziente, in prossimità della flessura duodenodigiunale (proiezione del bacinetto renale). La mano craniale viene posizionata nella parte dorsale dell’addome del paziente, in prossimità del triangolo del Grynfeltt. È consigliabile puntare il gomito della mano craniale sul fianco/bacino dell’operatore così da rendere la manovra meno dispendiosa possibile. La tecnica ha lo scopo di avvicinare le mani tra loro e stirare il compartimento renale verso l’alto andando così a stirare la vena renale di sinistra. Non bisogna attuare la tecnica seguendo la respirazione del paziente perchè, durante l’inspirazione, l’operatore rischia di essere allontanato dal punto di azione della tecnica a causa dell’abbassamento del diaframma del paziente.

 

Bibliografia:

  • P. BARRAL, P. MERCIER: L’osteopatia viscerale, Edizione italiana, Castello Editore, 1998;
  • Appunti personali.
Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Autore

Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Newsletter

NewsLetter

Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli e promozioni!

Vuoi risolvere i tuoi problemi?

Leggi anche…

Articolazione temporo-mandibolare: valutazione e trattamento

Articolazione temporo-mandibolare: valutazione e trattamento

Non esiste una regola universale che porti l’osteopata a valutare l’apparato stomatognatico del paziente. Sicuramente l’esame obiettivo e l’anamnesi sono fondamentali per darci indicazione di valutazione. Ma quali sono i segni o sintomi che possono consigliare la...

Valutazione osteopatica del cranio: come ci approcciamo

Valutazione osteopatica del cranio: come ci approcciamo

La valutazione osteopatica del cranio, per un osteopata, risulta essere fondamentale nella ricerca della primarietà, ovvero la causa perturbante a cui si deve la sintomatologia presentata dal paziente. Ovviamente la valutazione delle ossa craniche e, di conseguenza,...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi i nostri ultimi articoli

Shares
Share This