La cefalea a grappolo è una condizione grave e molto rara di cefalea, circa lo 0,1% della popolazione mondiale ne risulta affetta. Può essere:

  • Episodica;
  • Cronica;
  • Parossistica;
  • SUNCT: cefalea nevralgiforme monolaterale di breve durata con iniezione congiuntivale e lacrimazione (fonte: Orpha.net).

 

Cefalea a grappolo

E’ caratterizzata da episodi ricorrenti di dolori grave, a livello oculare, retroculare e auricolare. A differenza di quando sovviene una emicrania i pazienti affetti da tale patologia, tendono a muoversi durante l’attacco.

  • Presenta una durata che va dai 30 ai 120 min;
  • Presenta una frequenza che va da 1 episodio ogni 2 giorni ad 8 episodi al giorno.

Cause della cefalea a grappolo

Ad oggi non si ha l’assoluta certezza delle cause che portano all’insorgenza della cefalea a grappolo, ma si ritiene che la causa possa essere dovuta ad una disfunzione a livello ipotalamico. Tali sintomi rimandano ad un’attivazione atipica del nervo trigemino associata ad un’attivazione atipica ipotalamica.

L’alcol è spesso uno dei fattori scatenanti (70%) dei casi.

Terapia

Per la prevenzione è consigliabile una profilassi con calcioantagonisti, litio o corticosteroidi. Negli attacchi acuti è consigliabile la somministrazione di ossigeno ad alto flusso.

Bibliografia: