Home     Chi siamo     Servizi     Dove siamo    Blog     Contatti

5 Febbraio 2017

L’emicrania è una sindrome ricorrente benigna caratterizzata da cefalea (mal di testa), associata ad altri sintomi neurologici. Essa è una problematica che può limitare fortemente le attività diurne dell’individuo e ha una prevalenza maggiore nelle donne. Il primo attacco può verificarsi a qualsiasi età ma statisticamente si osserva che la sua insorgenza si aggira tra i 30-40 aa.

Emicrania

By Sasha Wolff from Grand Rapids – Can’t Concentrate: 14/365, CC BY 2.0. Fonte: https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=11343038

Indice delle informazioni che troverai nell’articolo

Emicrania con o senza Aura

Può essere accompagnata o no da aura. L’aura è il segnale che precede l’arrivo della cefalea anche se esistono dei segnali anche per l’emicrania senza aura.

Classificazione delle aure:

  • Aura tipica con cefalea di tipo emicranico;
  • Aura tipica con cefalea di tipo non emicranico.

Emicrania senza aura

Di seguito vengono riportati i criteri da soddisfare per fare diagnosi di emicrania senza aura:

  • Devono verificarsi almeno5 episodi di cefalea soddisfacenti;
  • La durata degli attacchi deve avere una durata compresa tra 4-72H.

Inoltre la cefalea deve essere:

  • Unilaterale;
  • Dolore pulsante;
  • Intensità medio/severa(deve limitare le attività. Nella severa la persona non esce di casa);
  • Deve peggiorare con l’attività fisica;
  • Deve esse essere accompagnata da Nausea o Vomito,da Fotofobia o  Fonofobia.

Emicrania con aura

Di seguito vengono riportati i criteri da soddisfare per fare diagnosi di emicrania con aura:

Devono essere soddisfatti almeno 3 dei punti che seguono:

  • Uno o più sintomi di disfunzione focale completamente reversibili;
  • Almeno un sintomo neurologicodell’aura che si sviluppi gradualmente in più di 4 min;
  • 2 o più dei seguenti sintomiVisivo(scotomi, forme geometriche, abbagliamenti), Sensitivo (parestesie che riguardano spesso la bocca), Motorio (debolezza o atassia), Linguaggio (disartria, afasia), Coscienza (deja-vu, trance);
  • Nessun sintomo dell’aura deve durare più di 60 min, ma se si sommano più aure è giustificabile allora l’aumento della durata;
  • La cefalea deve presentarsi almeno 60 min dopo l’aura.

Complicanze dell’emicrania

  • Cronica: si presenta per più di 15 giorni al mese, per almeno 3 mesi il paziente ha emicrania grave;
  • Stato emicranico: la cefalea dura per più di 72 ore entro 2 settimane;
  • Aura persistente senza infarto cerebrale:il paziente riporta sintomi che indicano un infarto cerebrale ma con restitutio ad integrum per più di una settimana;
  • Infarto emicranico: il persistere dell’aura può portare ad un infarto cerebrale solo se l’aura ha un’origine vascolare.

Prodromi e fattori scatenanti

I prodromi sono rappresentati da:

  • Variazione dell’umore;
  • Fatica;
  • Disturbi cognitivi;
  • Dolore muscolare;
  • Desiderio di cibo.

Presenta diversi e differenti fattori scatenanti:

  • Alimentari (alcool, cioccolato);
  • Ormonali (mestruazioni od ovulazione);
  • Psicologici (stress, emozioni importanti);
  • Farmaci (contraccettivi orali, nitroglicerina);
  • Climatici;
  • Fumo di sigaretta;
  • Rumori;
  • Odori.

Teoria sulla correlazione Emicrania-Aura (Cortical Spreading Depression)

La teoria sulla correlazione Emicrania-Aura è rappresentata dalla Cortical Spreading Depression . Essa è una prima fase di eccitazione neuronale seguita da una depressione neuronale. Si suppone che tutto dipenda da un aumento del circolo sanguigno cerebrale, seguito da una diminuzione in determinate aree. Questo aumento e diminuzione di flusso sanguigno instaura un processo infiammatorio localizzato che porta alla cefalea. Il disturbo causato dal circolo sanguigno, raggiunge le fibre della dura madre che crea il rilascio di sostanze che attivano i centri del dolore andando a colpire il nucleo del trigemino. A questo punto il trigemino risulta stimolato e l’informazione sensitiva arriva al talamo che la porta alla corticale controlaterale con stimolazione simultanea dell’ipotalamo.

Quanto appena affermato è soltanto una teoria non del tutto dimostrata.

Cortical spreading depression

By User:S. Jähnichen. Traducido por User:Posible2006 – Wikimedia commons: Cortical_spreading_depression.gif, FAL.
Fontehttps://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=16123014

Emiplegica familiare

Condizione rara che vede il coesistere del problema emicranico ad episodi di emiplegia. La trasmissione di tale tipologia è genetica di tipo autosomico dominante. In una famiglia in cui è presente tale malattia, almeno un parente di 1° o 2° grado è sicuro di contrarla. Quando non è presente nessun parente a riportare tale patologia, si parla, allora, di emicrania emilegica sporadica.

Di tipo basilare

Si associa a problematiche al circolo dell’arteria basilare dell’encefalo. Tale situazione si associa a sintomi del tronco encefalico come:

  • Disartria: disturbo motorio del linguaggio;
  • Vertigini;
  • Diplopia: alterazione visiva che provoca lo sdoppiamento dell’immagine di un unico individuo od oggetto;
  • Atassia: mancanza di coordinazione dei movimenti volontari;
  • Riduzione del livello di coscienza;
  • Parestesie bilaterali simultanee.

E’ possibile asserire che questa tipologia di emicrania si presenta con aura riconducibile ai disturbi troncoencefalici o emisferici bilaterali.

 

Bibliografia:

Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Autore

Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Newsletter

NewsLetter

Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli e promozioni!

Vuoi risolvere i tuoi problemi?

Leggi anche…

Intestino e mal di schiena: collegamenti e soluzioni

Intestino e mal di schiena: collegamenti e soluzioni

Non sempre il mal di schiena è da attribuire ad un problema della colonna vertebrale, bensì a ciò che sta davanti ad essa e che si trova ad avere un rapporto molto, molto intimo! Si, parliamo proprio dell'intestino. In questo articolo parleremo di intestino e mal di...

Fibromialgia: dolori diffusi in tutto il corpo

Fibromialgia: dolori diffusi in tutto il corpo

Hai dolori diffusi in tutto il corpo? Mai sentito parlare di Fibromialgia? Ma siete veramente convinti di sapere esattamente di cosa stiamo parlando? La fibromialgia è una sindrome molto invalidante. Essa si presenta nel 3,8% nelle donne e nel 0,5% negli uomini. Nel...

Dolore al collo: text neck. La nuova malattia

Dolore al collo: text neck. La nuova malattia

Il dolore al collo definito come Text Neck, si riferisce al dolore, alla rigidità del collo dovuto alla posizione mantenuta nel tempo della testa durante la visione o l’invio di messaggi tramite smartphone. Indice delle informazioni che troverai nell’articolo Cause;...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi i nostri ultimi articoli

Shares
Share This