Last updated on Aprile 5th, 2020 at 10:44 am

Il Pelvic Roll viene eseguito per valutare sia il posizionamento del bacino, che i legamenti ileo-lombari.

Il paziente viene posizionato in decubito supino, l’operatore pone le mani sul bacino (precisamente eminenza tenar e ipotenar sulle SIAS) e controlla se questo sarà anteriore o posteriore, inferiore o superiore, valutando dunque la posizione nello spazio delle ali iliache. Successivamente si procede imprimendo, prima da una parte e poi dall’altra una spinta verso il lettino. Un emi-bacino che presenterà maggiore resistenza alla spinta dell’operatore verso il lettino, indicherà, non in maniera assoluta, la sua posizione in antiversione, viceversa, mostrando poca resistenza alla spinta dell’operatore verso il lettino e un ridotto ritorno in posizione neutra, indicherà, sempre non in maniera assoluta, la sua posizione in retroversione.

Lo sterno dell’operatore, sarà perpendicolare all’altezza del piccolo bacino, le sue braccia saranno distese, le mani con i palmi aperti e già, dalla posizione che avranno, raggiunta dalla presa di contatto dei punti di repere (SIAS), si potrà decretare il posizionamento del bacino.

Il Pervic Roll non è l’unico test da permetterci di valutare il bacino, esistono altri test, come la variante dell’hip drop test o il TFE, che possono darci informazioni molto dettagliate riguardo la sua posizione e la valutazione dell’articolazione che avviene tra le ossa iliache e l’osso sacro

Bibliografia:

  • Appunti personali;

Angelo Terranova

Angelo Terranova

Fondatore di OsteoLab, Autore

Ciao, mi chiamo Angelo Terranova e sono un Osteopata. La mia passione per l'osteopatia mi ha portato nel 2015 a fondare OsteoLab che, insieme ad alcuni fidati colleghi, mi impegno a mantenere sempre aggiornato.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Spero che l'articolo sia stato di tuo gradimento.

👇Qui sotto avrai la possibilità di votare l'articolo e di condividerlo con i tuoi amici 👇