L’Hip drop test o test della Comare, è un test che viene eseguito visivamente. Esso aiuta l’osteopata a capire se è presente una disfunzione lombare in prima legge (leggi di più sulle leggi di fryette), andando a valutare il suo side preferenziale.

Qualora volessi invece sapere quali sono i test che vanno a valutare in generale il tipo di disfunzione (ascendente, discendetne, mista o craniosacrale), ti consiglio di leggere l’articolo che riguarda il test dei rotatori e la verticale di barrè.

Il test della comare, se fosse fine a se stesso, risulterebbe poco utile poichè la colonna vertebrale lombare presenta comunque sempre un suo side preferenziale. In osteopatia, nessun segmento corporeo, nessun risultato di un test, deve essere reputato veritiero in maniera assoluta, ma tutti i test devono essere confrontati tra loro, infatti, se l’hip drop test venisse rapportato ai risultati dei test sul bacino e sul sacro (torsione del bacino, posizione dell’osso sacro ), i suoi risultati potrebbero essere reputati veritieri e quindi utili nella ricerca della primarietà osteopatica.

Hip drop test (test della comare): come si esegue

Affinché si possa eseguire il test bisogna:

  • Avere il paziente in piedi e che assuma la sua posizione naturale. Affinché il paziente si posizioni nella maniera più neutra possibile, possiamo chiedere una leggera marcia sul posto, così da sciogliere e destrutturare le diverse tensioni muscolari venutesi a creare dalla posizione assunta precedentemente al test;
  • Far piegare il ginocchio del paziente senza far alzare il piede da terra. Importante!!! Verificare la quantità di inclinazione dal lato della gamba di appoggio. La flessione si esegue per entrambi gli arti. Ci sarà sempre un side preferenziale e una gamba di appoggio preferenziale. La gamba di appoggio preferenziale dovrebbe corrispondere al lato del side preferenziale.

Esempio. In appoggio monopodalico destro si ha intra-rotazione del femore di destra, posteriorità ala iliaca destra con leggera ascensione e anteriorità iliaca sinistra, relativa anteriorità base sacrale di destra e relativa posteriorità della base sinistra. Il sacro guarda a sinistra!

NB. Valutare quale arto viene piegato per prima (generalmente l’arto preferenziale è l’arto opposto), valutare la naturalezza del movimento. Generalmente la sacroiliaca più mobile è la sacroiliaca del lato preferenziale.

Variante del test della comare

Abbiamo detto che il test è un test puramente visivo, ma possiamo andare a valutare con mano la mobilità del bacino e il suo comportamento durante il movimento.

E’ possibile posizionare i pollici a cavallo delle SIPS (spina iliaca postero superiore) e sulle basi sacrali. Gli indici si posizionano sulla cresta iliaca e durante il movimento si va a valutare la torsione del bacino.

Bibliografia:

  • Appunti personali;