Home     Chi siamo     Servizi     Dove siamo    Blog     Contatti

21 Novembre 2015

Verticale di barre test

Cos’è la verticale di Barrè? E’ un test posturologico utile a capire, inquadrare la tipologia e provenienza del problema del paziente. Tale test consiste nell’osservare la disposizione e l’allineamento del:

  • Triangolo occipitale;
  • C7;
  • L3;
  • Triangolo sacrale;
  • Spazio tra i calcagni;

In fisiologia, tali strutture sono allineate lungo una linea immaginaria a piombo che divide il piano frontale del paziente in due parti perfettamente uguali.

Verticale di barrè

Se le suddette strutture non dovessero risultare allineate su questa verticale, il test indicherà che il paziente risulterà soggetto a importanti perturbazioni. Esistono altri test che ricercano la tipologia della problematica del paziente. Qualora dovesse interessarti, ti consiglio di leggere l’articolo del test dei rotatori.

La verticale di Barrè pertanto presenta diverse classificazioni:

Verticale di Barrè: come dovrebbe presentarsi

Tutte le strutture allineate lungo la linea verticale a piombo. Questa è la situazione chiamata fisiologica, che sarà molto difficile trovare. E’ molto raro trovare un individuo correttamente compensato e con tutte le sfere, visceralestrutturalecranio-sacrale, in equilibrio tra loro.

Fisiologico

Occipite fuori dalla linea verticale

Occipite fuori dalla linea verticale a piombo mentre il sacro risulta allineato insieme ai calcagni. Questo denota una problematica che interessa il triangolo occipitale e quindi una problematica che proviene dall’alto perciò discendente, nello specifico va da occipite a C2. In questo spazio sappiamo che si va ad inserire la fascia viscerale che andrà a racchiudere tutti i visceri corporei. La fascia viscerale si inserisce principalmente sul tubercolo faringeo presente sul corpo dell’occipite anteriormente al forame magno, ma si inserisce anche sulla parte anteriore della mandibola, sullo splancnocranio;

Solo occipite a sx

Sacro fuori dalla linea verticale

Sacro fuori dalla linea verticale a piombo mentre l’occipite risulta allineato insieme ai calcagni. Questo denota una problematica che interessa il triangolo sacrale e quindi una problematica che proviene dal basso, perciò ascendente, che si porta fino a C2. La problematica ascendente indica che la perturbazione del paziente potrebbe essere dovuta a qualcosa di strutturale.

Solo sacro sx

Occipite e sacro opposti e fuori dalla linea verticale

Occipite e sacro opposti e fuori dalla linea verticale a piombo. In questo caso è possibile ricondurre la perturbazione del paziente ad una problematica mista, quindi ad una problematica sia ascendente che discendente. In questo caso, attraverso l’ausilio di altri test di ingresso come il test degli archi, il test dei rotatori etc, sarà possibile valutare e stabilire, quale delle due problematiche, sia primaria.

occ-sac opposti

Occipite e sacro posizionati dallo stesso lato e fuori dalla linea verticale

Occipite e sacro posizionati dallo stesso lato fuori dalla linea verticale a piombo. In questo caso è possibile ricondurre la perturbazione del paziente ad una problematica cranio-sacrale (whiplashcompressione), eventi traumatici e non che alterano la normale fisiologia corporea. Come appena accennato queste problematiche possono presentarsi in seguito a traumi, come il colpo di frusta, situazioni o problematiche emozionali etc;

occ-sac sx

Bibliografia:

  • Appunti personali;
Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Autore

Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Newsletter

NewsLetter

Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli e promozioni!

Vuoi risolvere i tuoi problemi?

Leggi anche…

Articolazione temporo-mandibolare: valutazione e trattamento

Articolazione temporo-mandibolare: valutazione e trattamento

Non esiste una regola universale che porti l’osteopata a valutare l’apparato stomatognatico del paziente. Sicuramente l’esame obiettivo e l’anamnesi sono fondamentali per darci indicazione di valutazione. Ma quali sono i segni o sintomi che possono consigliare la...

Valutazione osteopatica del cranio: come ci approcciamo

Valutazione osteopatica del cranio: come ci approcciamo

La valutazione osteopatica del cranio, per un osteopata, risulta essere fondamentale nella ricerca della primarietà, ovvero la causa perturbante a cui si deve la sintomatologia presentata dal paziente. Ovviamente la valutazione delle ossa craniche e, di conseguenza,...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi i nostri ultimi articoli

Shares
Share This