La tibia è un osso lungo che, assieme al perone, forma lo scheletro della gamba. La tibia è situata nella parte anteromediale della gamba. Essa è composta da una diafisi e due epifisi. Nella sua porzione più craniale presenta una leggera convessità mediale per poi presentarsi lateralmente nella sua porzione caudale.

Tibia

By Berichard – travail personnel (own work) d’après atlas d’anatomie de Bonamy (1854=, CC BY-SA 3.0. Fontehttps://commons.wikimedia.org/

DESCRIZIONE DELLA TIBIA

Come detto precedentemente la tibia, osso della gamba, è composta da un corpo (diafisi) e due estremità (epifisi). L’epifisi prossimale si presenta più voluminosa rispetto alla distale.

Ginocchio

Corpo

Il corpo della tibia è più voluminoso nella sua parte craniale. Caudalmente esso assume la forma di un prisma triangolare. Esso presenta:

Tre facce:

  • Anterolaterale: Risulta essere concava nella sua metà craniale (prossimale) e convessa nella sua metà caudale (distale);
  • Anteromediale: Risulta essere liscia, convessa e apprezzabile nel sottocute;
  • Posteriore: Risulta essere liscia. Nella sua parte superiore, è presente un’asperità, obliqua con decorso lateromediale e cranio-caudale, che prende il nome di linea del muscolo soleo. Appena al di sotto della linea è presente il foro nutritizio.

Tre margini:

  • Anteriore: origina prossimalmente da una grossa tuberosità denominata Apofisi tibiale anteriore dove si inserisce il legamento rotuleo o patellare.
  • Mediale: poco pronunciato, smusso;
  • Laterale: a differenza del mediale è tagliente. Viene chiamato anche margine interosseo perchè da inserzione alla membrana interossea.

Epifisi

L’epifisi prossimale della tibia e molto più voluminosa rispetto alla distale. Presenta due condili (laterale e mediale). I due condili sono rivestiti da cartilagine ialina e si rapportano con i condili del femore. Tra i due condili si trova l’eminenza intercondiloidea composta da due spine, una spina tibiale mediale e una spina tibiale laterale, chiamate spine intercondiloidee. Anteriormente e posteriormente all’eminenza intercondiloidea, si trovano due superfici triangolari, dette aree intercondiloidee anteriore e posteriore.

Sulla faccia laterale del condilo laterale, è presente la faccia articolare fibulare.

Articolazione tibio-fibulare

By Berichard – travail personnel (own work) d’après atlas d’anatomie de Bonamy (1854=, CC BY-SA 3.0.

Fontehttps://commons.wikimedia.org/

L’epifisi distale della tibia risulta essere più piccola della prossimale, essa si continua medialmente e in basso con il malleolo tibiale. La faccia inferiore presenta una cavità concava in senso antero-posteriore. La faccia è divisa in due da una cresta sagittale che corrisponde alla troclea dell’astragalo (osso del piede). Sulla faccia mediale del malleolo è presente il solco malleolare o solco dei muscoli flessori (accoglie i tendini dei muscoli flessori del piede). Lateralmente, l’epifisi tibiale distale si articola, tramite una faccetta articolare, con il malleolo peroneale

Bibliografia: