Home     Chi siamo     Servizi     Dove siamo    Blog     Contatti

4 Aprile 2018

Astragalo o talo

L’impalcatura delle ossa che compongono il tarso, il metatarso e le falangi, concorrono nella formazione dello scheletro del piede. L’astragalo talo si articola direttamente con le ossa della gamba attraverso l’articolazione con la tibia. E’ l’osso che trasmette il peso del corpo al piede. Ha una forma irregolarmente cuboidea. La sua particolarità è che non presenta nessuna inserzione muscolare, ma soltanto inserzioni legamentose. Buona parte della sua superficie è rivestita di cartilagine a causa delle sue numerose articolazioni.

Astragalo

By OpenStax College – Anatomy & Physiology, Connexions Web site. http://cnx.org/content/col11496/1.6/, Jun 19, 2013., CC BY 3.0.
Fontehttps://commons.wikimedia.org/

Posizione e rapporti dell’astragalo

L’astragalo possiede una testa, un collo e un corpo. La testa ha una forma ovoidale, sporge ventralmente e si articola con lo scafoide. Inferiormente presenta tre faccette articolari. La più posteriore si rapporta con la faccetta articolare presente sulla protuberanza dell’osso calcaneare (sustentaculum tali). Anteriormente si articola con la faccia dorsale anteriore del calcagno e con lo scafoide.

Il collo è il segmento più stretto e rugoso. E’ compreso tra la testa e il corpo del talo. La sua superficie plantale presenta un solco che forma il tetto del seno del tarso. La sua superficie superiore presenta l’inserzione del legamento talo-navicolare dorsale e della capsula articolare dell’articolazione tibio-tarsica.

Il corpo ha una forma cuboidale. Esso presenta superiormente la troclea per l’articolazione con la tibia e perone. La troclea presenta un solco sagittale. Posteriormente il corpo presenta il processo psoteriore dell’astragalo composto da due tubercoli (laterale e mediale). Particolarità del tubercolo laterale è che a volte si presenta come osso a sé stante che, per la sua forma, viene denominato Os Trigonum. La sua faccia plantare presenta una superficie estesa che su articola con il calcagno. Nella sua porzione anteriore, la sua superficie anteriore è interrotta dal collo da un solco che, insieme a quello presente sul calcagno concorre nella formazione del seno del tarso.

Talo

By OpenStax College – Anatomy & Physiology, Connexions Web site. http://cnx.org/content/col11496/1.6/, Jun 19, 2013., CC BY 3.0.
Fontehttps://commons.wikimedia.org/

 

Bibliografia:

Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Autore

Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Newsletter

NewsLetter

Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli e promozioni!

Vuoi risolvere i tuoi problemi?

Leggi anche…

Fascia cervicale: le suddivisioni e quali strutture avvolge

Fascia cervicale: le suddivisioni e quali strutture avvolge

Quando parliamo delle fasce del collo, ci riferiamo alle suddivisioni della fascia cervicale. Ma prima di parlare delle fasce cervicali, delle loro suddivisioni, vorrei fare un piccola digressione e parlare della loggia viscerale del collo. Parentesi importantissima...

Articolazione temporo-mandibolare: anatomia delle strutture

Articolazione temporo-mandibolare: anatomia delle strutture

L’articolazione temporo-mandibolare è conosciuta anche con l’acronimo ATM. Tale acronimo deriva da quello inglese TMJ (Temporomandibular joint). Indice delle informazioni che troverai nell’articolo Tipo di articolazione; E’ un Ginglimo; Particolarità dell’ATM;...

Apparato stomatognatico: Confini e strutture anatomiche

Apparato stomatognatico: Confini e strutture anatomiche

Cos’è l’apparato stomatognatico?  Quali sono le strutture anatomiche che ne delimitano i confini? E’ sempre stato difficile dare una risposta diretta a tali domande, questo perché è molto difficile riuscire a dare dei confini anatomici ben definiti e molto spesso,...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi i nostri ultimi articoli

Shares
Share This