Home     Chi siamo     Servizi     Dove siamo    Blog     Contatti

4 Aprile 2020

Delmas

Prima di parlare dell’indice di Delmas è di fondamentale importanza conoscere l’architettura rachidea che potrai trovare nell’articolo che parla dell’anatomia della colonna vertebrale.

Colonna vertebrale

Come riportato nell’articolo appena citato, la colonna vertebrale presenta diverse curve che si alternano e che vengono suddivise in lordosi e cifosi. Nello specifico la colonna vertebrale presenta una lordosi cervicale, una cifosi dorsale, una lordosi lombare e una cifosi sacrococcigea. Qualora volessi approfondire l’argomento ti consiglio di leggere l’articolo sulle curve del rachide.

Indice delle informazioni che troverai nell’articolo

La colonna è più resistente

Grazie a queste curve, tale resistenza risulta essere circa 10 volte maggiore rispetto a quella presentata da una colonna vertebrale priva di lordosi e cifosi e quindi rettilinea (1). Tale valore è stato raggiunto grazie al paragone del rachide a una colonna elastica a curve alternate e il valore della resistenza viene ottenuto applicando la legge fisica che si applica appunto a tali colonne, anche se non potrà sicuramente essere applicata totalmente al modello della colonna vertebrale.

Tale legge calcola la resistenza della colonna tramite il quadrato del numero delle curve +1. Nel caso della colonna vertebrale verranno considerate le due lordosi (cervicale e lombare) e la cifosi toracica. Da questo deriva il valore 10 ottenuto da questo semplice calcolo 32 +1 (2).

Cos’è l’indice di Delmas

L’indice rechideo di Delmas indica la tipologia di colonna che presenta un determinato individuo. Esso è la risultante del rapporto tra l’altezza (H) moltiplicata per 100 e la sua lunghezza (L), ovvero H*100/L. Il calcolo della lunghezza e altezza avviene tramite la distanza presente tra l’atlante e la prima vertebra sacrale. Tale indice darà dei risultati compresi tra 94 e 96.

In base al valore ottenuto, saremo davanti a differenti tipologie di colonna vertebrale:

  • Il valore 94 indica una colonna con curve maggiormente accentuate definendo così una colonna di tipo dinamico;
  • Il valore 95 indica un rachide con curve intermedie andando a definire una colonna di tipo intermedio;
  • Il valore 96 indica un rachide con curve poco pronunciate definendolo colonna vertebrale di tipo statico.

Indice di delmas

NB. C’è da dire però che non necessariamente un valore vicino al 94, indichi una colonna vertebrale dinamica, poiché una cifosi accentuata e molto consolidata, porterà sì ad un valore vicino o anche inferiore a 94, ma non necessariamente saremo davanti ad una colonna vertebrale dinamica (3).

Prima di parlare dell’importanza delle differenti tipologie di colonna vertebrale, ti consiglio di ripassare le diverse strutture anatomiche che compongono al colonna vertebrale.

Colonna dinamica e statica: differenze

Soltanto con la parola statico e dinamico, si riesce a dare un’idea delle differenze delle due tipologie di colonna vertebrale. Parlando di una colonna di tipo dinamico avremo delle curve accentuate e delle componenti rachidee si troveranno a lavorare con bracci di leva maggiori e saranno meno soggette a compressioni assiali, viceversa una colonna di tipo statico e quindi con curve meno accentuate, sarà una colonna che lavorerà con bracci di leva più corti ma che risentirà maggiormente della compressione assiale. Questo ci porta alle possibili problematiche a cui potranno essere soggetti gli individui con tali tipologie. Una colonna dinamica, se da un lato riesce ad attutire le vibrazioni che dal bacino si portano al capo, dall’altro, nell’evoluzione dell’individuo, potrebbero portare a problematiche di tipo artrosico delle faccette articolari o dei corpi vertebrali. Inoltre, il continuo lavorare sulle leve lunghe, porterà ad un carico eccessivo dei legamenti e muscoli necessari a contrastare l’evoluzione della cifosi e che spesso sono la causa della dorsalgia meccanica posturale. Una colonna statica, proprio per la sua deformabilità maggiore ai carichi assiali, andrà a sovraccaricare maggiormente i dischi intervertebrali, andandone a causare, durante l’evoluzione dell’individuo, la propensione del cedimento elastico dei dischi intervertebrali. Inoltre non risponderà così efficacemente come la dinamica nell’attenuazione delle forse ascendenti provenienti dagli arti inferiori (3).

 

Bibliografia:

  1. Kapandji, Anatomia funzionale set 1-2-3 vol. Indivisibili. Monduzzi, 6 edizione 1 agosto 2011;
  2. Robert Maigne, Dolori di origine vertebrale. Comprendere, diagnosticare e trattare. Elsevier 1 gennaio 2009;
  3. Elena Martinelli, Prevenzione del mal di schiena di origine meccanica con attività motoria e comportamentale. Approfondimenti di patomeccanica e biomeccanica rachidea. Firenze University Press, 27 novembre 2014.
Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Autore

Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Vuoi risolvere i tuoi problemi?

Newsletter

NewsLetter

Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli e promozioni!

Leggi anche…

Ipotalamo: le sue funzioni e i sintomi provocati della lesione

Ipotalamo: le sue funzioni e i sintomi provocati della lesione

L’ipotalamo fa parte della porzione inferiore del diencefalo ed è molto importante sia per la funzione che svolge, sia per i sintomi che potrebbero presentarsi ad una sua lesione. Indice delle informazioni che troverai nell’articolo Dove si trova l’ipotalamo; Funzioni...

Movimenti dell’articolazione temporo-mandibolare: quali sono?

Movimenti dell’articolazione temporo-mandibolare: quali sono?

L’ATM risulta essere un’articolazione complessa e particolare. In questo breve articolo parleremo della meccanica del movimento dell’articolazione temporo-mandibolare entrando sempre più nel dettaglio della mobilità dei suoi singoli componenti. Prima di proseguire con...

Occlusione dentale: definizione e strutture interessate

Occlusione dentale: definizione e strutture interessate

Come recita l’enciclopedia Treccani, per occlusione dentale si intende “i reciproci rapporti assunti dalle arcate dentarie in posizione di combaciamento”. Per normo-occlusione, in ortodonzia, non si intende soltanto il normale combaciamento delle arcate dentali, ma...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi i nostri ultimi articoli

Shares
Share This