Il nervo facciale  o nervo faciale è il VII nervo cranico. Esso è un nervo misto ed è costituito da due componenti:

  • Nervo facciale propriamente detto;
  • Nervo intermedio o di Wrisberg.

emergenza VII nervo cranico

By Brain_human_normal_inferior_view.svg: Patrick J. Lynch, medical illustratorderivative work: Beao – Brain_human_normal_inferior_view.svg, CC BY 2.5

Fontehttps://commons.wikimedia.org

Il nervo facciale rappresenta il VII paio di nervi cranici. Esso è un nervo misto ed è costituito da due componenti:

  • Nervo facciale propriamente detto;
  • Nervo intermedio o di Wrisberg.

Nervo facciale propriamente detto→è composto da fibre motrici somatiche che originano dal nucleo facciale pontino. Esso provvede all’innervazione:

  • Della muscolatura mimica della faccia;
  • Dei muscoli pellicciai del cuoio capelluto;
  • Dei muscoli del padiglione auricolare;
  • Muscoli come: Stapedio (un muscolo che irrigidisce la catena ossiculare dell’orecchio), stiloioideo, ventre posteriore del muscolo digastrico.

 

Nervo Facciale

Nervo facciale propriamente detto

Il nervo facciale propriamente detto è composto da fibre motrici somatiche che originano dal nucleo facciale pontino. Esso provvede all’innervazione:

  • Della muscolatura mimica della faccia;
  • Dei muscoli pellicciai del cuoio capelluto;
  • Dei muscoli del padiglione auricolare;
  • Muscoli come: Stapedio (un muscolo che irrigidisce la catena ossiculare dell’orecchio), stiloioideo, ventre posteriore del muscolo digastrico.

Nervo intermedio o nervo di Wrisberg

Nervo intermedio o nervo di Wrisberg è un nervo misto quasi totalmente di tipo viscerale. Le sue fibre sensitive viscerali traggono origine nei protoneuroni gangliari presenti nel ganglio genicolato. Innerva:

  • Ghiandola lacrimale;
  • Ghiandola sottomandibolare;
  • Ghiandola sottolinguale;
  • Ghiandole della mucosa nasale e palatale.

Trasmette la sensibilità:

  • Gustativa specifica dei 2/3 anteriori della lingua;
  • Cutanea di una ristretta area cutanea del padiglione auricolare.

La componente motrice del nervo intermedio comprende fibre parasimpatiche pregangliari che originano da 2 nuclei:

  • Nucleo muconasolacrimale (superiormente)→nascono fibre secretrici per la ghiandola lacrimale, la mucosa nasale e palatale che si interromperanno nel ganglio sfenopalatino;
  • Nucleo salivatore superiore (inferiormente)→nascono fibre effettrici per le ghiandole sottomandibolare, sottolinguale e ghiandole salivari minori della lingua.

Ricapitolando

Il nervo facciale è un nervo misto e come tale presenta fibre:

  • Motrici→innervazione dei muscoli mimici della faccia, del cuoio capelluto auricolare, buccinatore, stiloioideo e ventre posteriore del muscolo digastrico;
  • Parasimpatiche→sono fibre visceroeffettrici parasimpatiche che hanno origine dal:

Nucleo salivatorio superiore. Principalmente sono in relazione alla funzione delle ghiandole. Esse si portano al ganglio sottomandibolare e sottolinguale;

Nucleo muconasolacrimale. Principalmente sono in relazione con la secrezione mucosa del naso e del palato e della secrezione lacrimale, si portano al ganglio sfenopalatino;

  • Sensitive→sono fibre specifiche sensitive gustative provenienti dai 2/3 anteriori della lingua (nervo intermedio) e dal palato molle tramite il nervo grande petroso superficiale. I corpi cellulari di tale nervo si trovano nel ganglio di Gasser.

rapporti nervosi VII nervo cranico

By Henry Vandyke Carter – Henry Gray (1918) Anatomy of the Human Body (See “Book” section below)Bartleby.com: Gray’s Anatomy, Plate 788

Fontehttps://commons.wikimedia.org

 

Nervo faciale: origine e decorso

Il nervo faciale (settimo nervo cranico) emerge dal tronco encefalico, in corrispondenza della fossetta sopraolivare.

Il nervo facciale propriamente detto decorre medialmente al nervo intermedio. Questi due rami procedono in direzione del meato acustico interno. Dal meato acustico interno questi perforano la dura madre ed entrano nel canale del facciale. Dal canale del facciale i 2 nervi hanno due destini differenti. L’intermedio andrà a terminare nel ganglio genicolato, il facciale puramente detto continuerà, oltrepasserà il foro stilomastoideo e andrà a perforare la fascia parotidea. Attraverserà in tutto il suo spessore la ghiandola parotide dirigendosi verso il margine posteriore del ramo della mandibola dove si dividerà nei suoi due tronchi terminali:

  • Tronco cervicofacciale→si dirige in basso e in avanti distribuendosi ai muscoli del mento, del labbro inferiore, collo e platisma;
  • Tronco temporofacciale→si dirige verso l’alto e avanti e si divide in diversi rami che prendono il nome della zona che andranno ad innervare. I muscoli che riceveranno l’innervazione saranno i muscoli pellicciai della testa. Inoltre una piccola componente andrà ad innervare il muscolo buccinatore insieme al nervo buccale del mandibolare (V3).

canale stiloideo

By User:Mikael Häggström – Image:Cranial_nerve_VII.svg by Patrick J. Lynch, medical illustrator, CC BY 2.5

Fontehttps://commons.wikimedia.org

Rami terminali

  • Nervo grande petroso;
  • Nervo della corda del timpano;
  • Nervo stapedio;
  • Nervo per il muscolo digastrico;
  • Nervo per il muscolo stiloideo;
  • Nervo auricolare posteriore.

Settimo nervo cranico: lesione

La sua lesione provoca:

  • Centrale→produce una paralisi dei muscoli mimici della faccia ma il paziente riesce a muovere le palpebre e la fronte;
  • Periferica→paralisi generalizzata.

Nervo faciale: trattamento osteopatico

  • Liberare dura madre (grande e piccola circonferenza);
  • Liberare il temporale sulle sue suture;
  • Decomprimere lo spazio mandibolo-mastoideo;
  • Liberare atlante e ATM;
  • Detendere il muscolo digastrico e costrittore superiore della faringe.

SICURO DI NON AVERNE BISOGNO? DAI UN’OCCHIATA!

Bibliografia: