24 Novembre 2016

Nervo vago: origine, funzione e decorso

Il nervo vago rappresenta il X paio di nervi cranici. Il suo territorio di distribuzione periferica è molto ampio, esso comprende organi situati nella testa, nel collo, nel torace e nell’addome.

emergenza X nervo cranico

By Brain_human_normal_inferior_view.svg: Patrick J. Lynch, medical illustratorderivative work: Beao – Brain_human_normal_inferior_view.svg, CC BY 2.5
Fonte: https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=8053128

Indice delle informazioni che troverai nell’articolo

Nervo vago: nervo misto

Esso è un nervo misto nel quale sono rappresentate fibre:

  • Effettrici somatiche→sono rappresentati da un modesto contingente di fibre somatiche effettrici provenienti dal nucleo ambiguo(bulbo), porzione più caudale rispetto a quella delle fibre del glossofaringeo. Tali fibre si distribuiscono alla muscolatura striata della faringe, laringe e porzione prossimale dell’esofago;
  • Effettrici viscerali→sono fibre pregangliari parasimpatiche che innervano gran parte dei visceri toracici ed addominali. Tali fibre originano dalla porzione media e caudale del nucleo motore dorsale del vago. Esse innervano:
    • Cuore;
    • Parte aorta grossi vasi;
    • Muscolatura liscia delle vie respiratorie;
    • Muscolatura dell’apparato digerente;
    • Parte dell’apparato urinario;

Queste fibre pregangliari parasimpatiche terminano in corrispondenza di piccoli gangli o su agglomerati gangliari situati in prossimità dell’organo bersaglio innervati dal metasimpatico;

  • Sensitive somatiche→sono composte da fibre che presentano i propri neuroni a livello del ganglio giugulare. Essi raccolgono informazioni riguardo un territorio molto limitato del padiglione auricolare, del meato acustico esterno e della superficie laterale della membrana del timpano. Queste fibre vengono veicolate nel nucleo della radice discendente del trigemino;
  • Sensitive viscerali→sono composte da fibre che originano nel ganglio nodosoplessiforme. Le fibre dei protoneuroni presenti nel ganglio nodoso si portano al nucleo del tratto solitario. Il nucleo del tratto solitario, come già detto, raccoglie le informazioni viscerali che derivano dalle fibre del tratto solitario dei nervi faccialeglossofaringeo e vago.  Riceve fibre afferenti (periferiche) che portano la sensibilità viscerale:
    • Dal seno aortico;
    • Dal glomo aortico o glomo carotideo, quindi impiegato nella regolazione della pressione parziale di O2 e CO2 andando ad agire sulla frequenza respiratoria;
    • Dalla mucosa della laringefaringetracheaesofago ed organi addominali, qui risulterebbe impiegato durante la deglutizione, il riflesso faringeo;
    • Dalla sensibilità gustativa della mucosa dell’epiglottide e dell’orofaringe.
Nervo vago

By Henry Vandyke Carter – Henry Gray (1918) Anatomy of the Human Body (See “Book” section below)Bartleby.com: Gray’s Anatomy, Plate 791.
Fontehttps://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=537001

X nervo cranico: emergenza e decorso

L’emergenza del nervo vago si ha nel solco laterale posteriore del bulbo. Essa consta di circa una decina di radicole che si uniscono tra loro per formare il tronco del nervo. Inizialmente il loro decorso è ascendente laterale e anteriore. Una volta formatosi, il nervo impiega il foro giugulare dove contrae rapporti con due gangli sensitivi: ganglio giugulare, posto più in alto e il ganglio nodoso, più grande.  Il suo tragitto può essere suddiviso in tre segmenti:

Nervo vago cervicale

Il segmento cervicale del nervo vago, inizia dal superamento del foro giugulare o lacero posteriore. Dal foro giugulare si vede il passaggio di tre nervi. Il nervo accessorio assume un decorso posterolaterale, il glossofaringeo anteromediale, il nervo vago si posiziona nell’angolo diedro formato dall’arteria carotide interna e la vena giugulare interna, qui le tre strutture, arteria vena e nervo, ricoperti da una guaina connettivale, vanno a formare il fascio vascolonervoso del collo. Alla base del collo il nervo vago di destra si pone tra l’arteria succlavia posteriormente e la vena succlavia anteriormente, qui emette un ramo collaterale, nervo laringeo ricorrente di destra, il nervo vago di sinistra decorre tra l’arteria carotide comune e la succlavia di sinistra;

Nervo vago toracico

Il segmento toracico del nervo vago di destra si pone medialmente e posteriormente alla vena cava superiore. Qui arrivato alla biforcazione tracheale, da rami anastomotici andando a formare il plesso polmonare destro (fibre simpatiche), successivamente si posizionerà lungo la parete posteriore dell’esofago andando a formare il plesso esofageo posteriore. Il nervo vago di sinistra, dopo aver abbandonato l’arteria carotide comune, incrocia l’arco aortico ed emette un collaterale rappresentato dal nervo laringeo ricorrente di sinistra. Da qui si porta medialmente e a livello della biforcazione tracheale, da rami anastomotici andando a formare il plesso polmonare sinistro (fibre simpatiche). Continua posizionandosi anteriormente alla parete dell’esofago andando a formare il plesso esofageo anteriore. In prossimità del diaframma i due plessi esofagei si risolvono nei due tronchi vagali anteriore e posteriore;

Nervo vago addominale

Il segmento addominale del nervo vago vede i due tronchi vagali che penetrano in cavità addominale attraverso lo iato esofageo. Essi andranno ad innervare il tubo digerente fino alla flessura sinistra del colon. Il tronco vagale posteriore (nervo vago destro) andrà a formare il plesso gastrico posteriore (innervazione parasimpatica della porzione inferoposteriore dello stomaco), il plesso gastrico posteriore continua con il ramo celiaco fino ad arrivare al ganglio celiaco di destra. Al ganglio celiaco sopraggiunge anche il nervo grande splancnico. Sul ganglio arriva, quindi, da sinistra il ramo celiaco e da destra il grande splancnico. I due nervi andranno a formare l’ansa memorabile (di Wrisberg). Il ramo celiaco invia rami anastomotici ai plessi:

  • Epatico;
  • Renale;
  • Surrenale;
  • Splenico;
  • Mesenterico superiore.

Il tronco vagale anteriore (nervo vago sinistro), in prossimità della piccola curvatura forma il plesso gastrico anteriore, che innerva la maggior parte dello stomacocardiaspiloroduodeno e testa del pancreas.

Rami collaterali

Durante tutto il suo percorso il nervo vago rilascia diversi collaterali:

  • Cervicali→ramo meningeo, ramo auricolare, nervo laringeo superiore, rami cardiaci, rami per il glomo aortico, rami faringei, nervo laringeo inferiore;
  • Toracici→nervi cardiaci inferiori, rami tracheali e bronchiali, rami pericardici, rami esofagei;
  • Addominali→rami epatici (plesso epatico), ramo celiaco (plesso celiaco), rami che raggiungono il plesso surrenale, renale, ovarico, spermatico, lienale, mesenterico superiore.

Lesione e/o compressione nervo vago

La lesione o la compressione del nervo vago, proprio per il suo vasto territorio di innervazione, provoca non pochi disturbi, chiamate anche reazioni vagali:

  • Nauseatachicardia per l’azione che ha il ramo destro sul nodo del seno;
  • Aritmiaper l’azione che ha il ramo sinistro sul nodo atrioventricolare;
  • Alterazione della respirazione;
  • Doloririgidità del collo (cefalee, emicranie);
  • Vertigini;
  • Disfonia;
  • Disfagia;
  • Alterazione/compromissione delriflesso faringeo (alterazione della componente afferente).

Trattamento osteopatico

  • Liberare il tentorio del cervelletto;
  • Liberare il foro giugulare;
  • Liberare la guaina vascolonervosa del collo;
  • Detendere lo SCOM;
  • Detendere il muscolo omoioideo.

 

Bibliografia:

Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Staff osteolab Legnano

Benvenuto su OsteoLab!

Sono Angelo Terranova, CEO e Founder di OsteoLab, il laboratorio della salute. Cosa possiamo fare per te?

Via Solferino 40, Legnano (MI)

2 Commenti

  1. Maria

    chiamo Maria Tramontana ho 34 anni ,e da 3 anni che sto veramente male le spiego come è iniziato il tutto..( le scrivo dalla Germania)

    Era un periodo molto malto stressante nella mia vita ero a carico di tanti lavori, mi sentivo molto stanca,e giù di morale, quando una sera ho mangiato 2 yogurt io sono molto intollerante al lattosio mi sono dimenticata di prendere la pillola e così durante la notte mi sono sentita malissimo dandomi problemi ai battiti cardiaci e scarichi di diarrea,dal quel giorno non mi sono più ripresa sembra che il mio corpo sia impazzito dandomi tanti problemi agli organi vitali, ma facevo i controlli vedono che ho i battiti alti ma non vengono provati dal cuore,ho un fortissimo rallentamento allo stomaco, problemi all’intestino,mi sento come se lo stomaco e il cervello siano scollegato, non so cosa significa ad avere il senso di fame,mi porta a stare malissimo mangio solo tutto frullato, mi anno operato l’anno scorso a settembre per l’ernia iatale perché pensavano che era dovuto a quello tutti i miei problemi, ma mi anno letteralmente peggiorato, perché dopo l’intervento si e aggiunto un dolore davanti al collo che mi tirano forte i 2 nervi davanti dandomi avvolte problemi anche a l’udito. un giorno un dottore mi parla del nervo vago che io non conoscevo per niente e mi apre un mondo perché tutti i problemi che io ho aveva finalmente avevano un nome,ma nessuno riesce ad aiutarmi e per questo la contatto se lei mi potrebbe aiutare visto che sono in uno stato pietoso.. spero in una sua risposta Dio la benedica

    Rispondi
    • Angelo Terranova

      Salve Maria, mi dispiace leggere della sua situazione. I problemi che descrive sono molti. Purtroppo risulta molto difficile darle un parere, specialmente senza una diagnosi medica, un percorso terapeutico e senza aver valutato di presenza la sua situazione. Quello che le posso consigliare è di affidarsi al suo medico di base o allo specialista che la sta seguendo, così da poter organizzare una terapia, magari multidisciplinare, qualora reputata la strada più corretta. Mi dispiace non poterle essere di ulteriore aiuto. Spero che, leggendo il suo commento, qualcuno possa darle dei consigli più mirati.
      Le auguro una buona giornata.

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi i nostri ultimi articoli

Shares
Share This