Home     Chi siamo     Servizi     Dove siamo    Blog     Contatti

27 Gennaio 2017

Etmoide anatomia

L’osso etmoide è un osso impari e mediano fa parte della base ed in rapporto con le ossa della faccia. E’ posto davanti allo sfenoide, sotto e dietro il frontale. Delimita le cavità orbitarie e quelle nasali. E’ formato da una lamina sagittale mediana che incrocia una lamina orizzontale, inoltre possiede due masse laterali che sembrano appese alle estremità laterali della lamina orizzontale. La sua ossificazione è cartilaginea con 4 centri: due per le masse laterali, un centro per l‘apofisi della crista galli, uno per la lamina perpendicolare.

Osso Etmoide: la struttura

Come appena accennato l’osso etmoide presenta:

  • Lamina verticale;
  • Lamina orizzontale;
  • Due masse laterali.

Lamina verticale presenta una parte superiore rappresentata dalla crista galli in cui si attacca la falce del cervello. Essa termina nella parte tramite il processo alare, articolato col foro cieco. La parte inferiore è la lamina perpendicolare che forma la parte antero-superiore del setto delle fosse nasali. La parte posteriore di queste fosse nasali è occupata dallo sfenoide;

Etmoide

Lamina orizzontale è la lamina cribrosa. Essa è divisa in due dalla crista galli e traforata da una ventina di fori per il passaggio delle cellule olfattive. Presenta due fori più grossi: il foro etmoidale anteriore che da passaggio al nervo nasale interno; foro etmoidale posteriore per il passaggio dell’arteria etmoidale posteriore;

Masse laterali posizionate ai lati della lamina orizzontale e situate tra le fossa nasali e l’orbita. Più precisamente davanti allo sfenoide, dietro al processi frontale dell’osso mascellare e del lacrimale, sotto alla parte nasale del frontale, sopra il corpo del mascellare e alla parte perpendicolare del palatino. Comprendono una faccia orbitale, o papiracea, che concorre alla formazione della fossa orbitaria  e una faccia mediale, o nasale, che sostiene i cornetti superiore e medio e costituisce la parete laterale delle fosse nasali. Le masse laterali sono formate da cellule etmoidali, cellule aeree a parete sottile comprese tra due lamine verticali, la cui mucosa è in continuità con quella delle fosse nasali.

Osso etmoide

Articolazioni

  • Frontale→attraverso la lamina cribrosa e le masse laterali in una sutura armonica che permette la mobilità e attraverso la lamina perpendicolare che si articola con la spina del frontale;
  • Sfenoide→attraverso la lamina cribrosa margine posteriore che si articola con la spina etmoidale dello sfenoide, con i bordi posteriorin delle masse laterali che si articolano con le superfici antero-laterali del corpo sfenoidale;
  • Palatino→attraverso il bordo inferiore delle masse laterali a livello del trigono palatino tramite una sutura armonica;
  • Ossa del naso→attraverso il bordo anteriore della lamina perpendicolare che si articola con i bordi mediali delle ossa nasali sempre in una sutura armonica;
  • Vomere→attraverso il la lamina perpendicolare con la parte superiore del bordo del vomere;
  • Cornetto inferiore→attraverso l’apofisi unciniforme;
  • Mascellaresuperiore→attraverso le masse laterali dell’etmoide che si articolano con il ramo ascendente del mascellare;
  • Cartilagine settale→attraverso il bordo della lamina perpendicolare che si articola con il bordo posteriore della cartilagine settale.

 

Rapporti nervosi

  • Nervo Olfattivo (I)→riceve attraverso i fori etmoidali, i filetti olfattivi che risalgono dalla mucosa nasale;
  • Nervo Trigemino (V)→il nervo nasale interno, ramo terminale del nervo oftalmico (II) passa per il canale etmoidale anteriore e il foro sfenopalatino.

Rapporti membranosi

I rapporti membranosi dell’osso etmoide sono rappresentati da:

  • Falce del cervello→si inserisce sulla cresta galli.

Rapporti vascolari

I rapporti vascolari dell’osso etmoide sono rappresentati da:

  • Arteria etmoidale→assicura la vascolarizzazione della muscosa delle fossette nasali.

Fisiologia osteopatica dell’osso etmoide

In osteopatia, l’osso etmoide si muove intorno ai seguenti assi:

  • Trasversale: passante per il corpo dell’osso, perpendicolare alla parte antero-inferiore della crista galli. Effettua movimenti di flesso estensione associati a quelli dello sfenoide. Le masse laterali effettuano un R.E. e R.I.

L’osso etmoide durante la flessione cranica

Durante la flessione cranica, le differenti porzioni dell’osso etmoide si comportano in questo modo:

  • Crista gallitrascinata posteriormente dalla falce;
  • Parte posteriore del corpo e la lamina cribrosasi abbassano;
  • La parte posteriore della lamina perpendicolarediscende solidale al corpo dello sfenoide;
  • Parte anteriore della lamina perpendicolaresi porta posteriormente;
  • Masse lateralisi allontanano.

Nella flessione craniale si avrà un’apertura dell’incavatura etmoidale e una dilatazione delle fossette nasali.

 

Bibliografia:

Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Autore

Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Vuoi risolvere i tuoi problemi?

Newsletter

NewsLetter

Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli e promozioni!

Leggi anche…

Fascia cervicale: le suddivisioni e quali strutture avvolge

Fascia cervicale: le suddivisioni e quali strutture avvolge

Quando parliamo delle fasce del collo, ci riferiamo alle suddivisioni della fascia cervicale. Ma prima di parlare delle fasce cervicali, delle loro suddivisioni, vorrei fare un piccola digressione e parlare della loggia viscerale del collo. Parentesi importantissima...

Articolazione temporo-mandibolare: anatomia delle strutture

Articolazione temporo-mandibolare: anatomia delle strutture

L’articolazione temporo-mandibolare è conosciuta anche con l’acronimo ATM. Tale acronimo deriva da quello inglese TMJ (Temporomandibular joint). Indice delle informazioni che troverai nell’articolo Tipo di articolazione; E’ un Ginglimo; Particolarità dell’ATM;...

Apparato stomatognatico: Confini e strutture anatomiche

Apparato stomatognatico: Confini e strutture anatomiche

Cos’è l’apparato stomatognatico?  Quali sono le strutture anatomiche che ne delimitano i confini? E’ sempre stato difficile dare una risposta diretta a tali domande, questo perché è molto difficile riuscire a dare dei confini anatomici ben definiti e molto spesso,...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi i nostri ultimi articoli

Shares
Share This