L’osso frontale è un osso impari e mediano. In osteopatia è concepito come osso pari, poichè osteogeneticamente è separato dalla sutura metopica. Partecipa alla costituzione della volta e della base cranica. Forma gran parte del tetto della cavità orbitaria. Ad eccezione della spina nasale, la sua ossificazione è membranosa con due centri di ossificazione, uno per emifrontale. Alla nascita il frontale è diviso in due parti ben distinte dalla sutura metopica. La spina nasale si sviluppa con due centri di ossificazione cartilaginea. I seni frontali si saldano dopo il 15°anno di vita.

Fonte: https://commons.wikimedia.org/

Indice dei contenuti

Osso frontale: faccia esocranica

Presenta:

  • Una faccia esocranica;

  • Una faccia endocrania.

Faccia esocranica: è liscia e convessa anteriormente presenta due bozze frontali delimitate lateralmente dalle creste laterali. Sotto le bozze sono situati due rilievi dette arcate sovraciliari che si uniscono nel punto craniometrico denominato glabella. A lato di questa zona si trova il margine sovraobitario che forma il contorno superiore dell’orbita. Questo margine è costituito da due porzioni, dove all’unione di queste due parti si trova il foro sovraorbitario dove passa il nervo e l’arteria sovraorbitale. Medialmente a questo foro si trova l’incisura frontale. La parte laterale del margine sovraorbitario si continua nel processo zigomatico che si articola con il processi frontale dell’osso zigomatico nella sutura frontozigomatica. Nella porzione orizzontale presenta l’incisura etmoidale che accoglie la lamina perpendicolare dell’etmoide. La porzione orizzontale presenta nel mezzo l’incisura etmoidale che accoglie la lamina perpendicolare dell’etmoide. Questa porzione comprende oltre all’incisura etmoidale anche il margine nasale che si articola con le asso nasali e col processo frontale del mascellare che è anche detta faccia nasale. Ai lati di essa si trovano le faccia orbitarie e posteriormente alla faccia nasale si trova la spina nasale che si articola in avanti con le ossa nasali. Ai lati della spina nasale si trovano le docce sagittali che formano la parte anteriore del tetto delle cavità nasali. Le facce orbitarie hanno forma triangolare e presentano la fossa per la ghiandola lacrimale, la fossetta trocleare dove si attacca il tendine del muscolo obliquo superiore del bulbo oculare.

Frontale

Faccia endocranica del frontale

–Faccia endocranica: la squama presenta i solchi per i rami vascolari dell’arteria meningea media. La linea sagittale superiore è presente il solco sagittale per il seno sagittale superiore. Presenta la cresta del frontale al di sotto della quale, vicino all’incisura etmoidale si trova il foro cieco. Questo foro è compreso tra la cresta del frontale e la crista galli dell’etmoide sulla quale si aggancia la falce del cervello.

Esso contiene:

  • La rete venosa del foro cieco;

  • La vena etmoido-frontale;

  • Il prolungamento della dura madre.

Frontale faccia endocranica

Faccia inferiore

-Porzione orizzontale: essa presenta ai lati dell’incisura etmoidale, due superfici convesse, le bozze orbitarIe che accolgono i lobi frontali dell’encefalo.

Frontale superficie inferiore

Articolazioni

Data la sua posizione, l‘osso frontale si articola con le ossa della faccia, della base e della volta. nello specifico:

  • Parietali→Postero-lateralmente attraverso la sutura coronale tra i punti craniometrici Bregma e Pterion. Tra Bregma e il punto pivot fronto-parietale abbiamo un tavolato interno, dal punto pivot fronto-parietale a Pterion abbiamo un tavolato esterno;

  • Sfenoide→Posteriormente con il bordo anteriore della grande ala. Essa è una sutura che permette movimenti a ruota dentata. L’articolazione ha una forma auricolare come la sacroiliaca. Si articola anche con il bordo anteriore della piccola ala da una parte e dall’altra del processo etmoidale;

  • Etmoide→Con le masse laterali dell’etmoide e con la lamina cribrosa;

  • Ossa nasali→Con la spina nasale;

  • Zigomatico→Con l’angolo superiore del malare (sutura fronto-zigomatica) attraverso il suo pilastro esterno;

  • Mascellare→Il bordo laterale del solco nasale si articola con il processo frontale del mascellare;

  • Lacrimale→Con la parte anteriore del solco etmoidale.

 

Inserzioni muscolari

Lo sfenoide offre la sua superficie ossea per l’inserzione dei seguenti muscoli:

  • Muscolo temporale sulla faccetta temporale del frontale;

  • Muscolo grande obliquo dell’occhio sulla fossetta trocleare.

Inserzioni aponeurotiche

Le sue inserzioni aponeurotiche sono rappresentate da:

  • Aponeurosi temporale sulla cresta laterale del frontale che è il punto di riunione delle linee curve parietali superiore ed inferiore.

Rapporti nervosi

Presenta i seguenti rapporti nervosi:

  • Lobi frontali→motricità volontaria. Zona di coscienza ed espressione. Centro del carattere. Centro primario dell’olfatto;

  • Nervo olfattivo (I)→bulbo olfattivo nell’incavatura etmoidale;

  • Nervo sovraorbitale→ramo del nervo frontale proveniente dall’oftalmico;

  • Nervo lacrimale.

Rapporti vascolari

I suoi rapporti vascolari sono rappresentati da:

  • Arteria sovraorbitaria con il nervo sovraorbitale a livello dell’incavatura sovraorbitale;

  • Arterie etmoidale anteriore e posteriore a livello dell’incavatura etmoidale;

  • Seno longitudinale superiore (venoso) lungo la sutura metopica.

Fisiologia osteopatica dell’osso frontale

L’osso frontale possiede due assi di movimento, uno per ogni emifrontale: obliquo, basso, avanti, dentro, che passa al centro delle bozze frontali e al centro delle bozze orbitali. Questi assi permettono dei movimenti di apertura in rotazione esterna e di chiusura in rotazione interna. Il frontale, nel suo insieme, è un osso impari della linea centrale che effettua dei movimenti di flesso estensione. È considerato il paracadute dello sfenoide.

Nel corso della fase di respirazione primaria abbiamo un movimento di apertura dei due emifrontali, movimento sincrono con il movimento della SSB (sincondrosi sfeno-basilare).

Movimenti sul piano antero-posteriore dell’osso frontale

  • Sutura metopica→viene trazionata dalla grande falce. Bregma scende e arretra;

  • Lamine orbitarie→si abbassano;

  • Incisura etmoidale→si apre e si abbassa.

Movimenti sul piano orizzontale

Scissura metopica→arretra perchè trazionata dalla grande falce del cervello.

Movimenti in flessione cranica

  • Glabella→arretra e sale;

  • Bregma→scende e arretra;

  • Pilastri→vanno avanti, fuori, basso;

  • Incisura etmoidale→apre e permette il basculamento posteriore dell’etmoide.

NB. E’ importante trattare il frontale perchè protegge il lobo frontale, forma il tetto dell’orbita, è inserzione del tendine di Zinn, per la dinamica dei seni e perchè la sutura coronale è testimone di uno stato di Strain Verticale.

Bibliografia: