Il palatino è un osso pari, costituito da due lamine che si incontrano ad angolo retto. Una lamina è verticale che si applica medialmente all’osso mascellare a al processo pterigoideo dello sfenoide, l’altra è orizzontale che completa posteriormente il palato duro. È il più posteriore delle ossa della faccia. Situato dietro al mascellare e davanti allo sfenoide.

Palatino

Fonte: https://commons.wikimedia.org

Indice dei contenuti

OSSIFICAZIONE

La sua ossificazione è di origine membranosa con due centri:

  • Uno per la lamina verticale;
  • Uno per la lamina orizzontale.

Alla nascita la lamina orizzontale è molto piccola, l’altezza di questa porzione contribuirà alla crescita della faccia.

Osso palatino: suddivisione anatomica

Come già specificato l’osso risulta suddiviso in differenti porzioni. Nello specifico da:

  • Lamina verticale;

  • Lamina orizzontale;

  • Apofisi orbitale;

  • Apofisi piramidale;

  • Apofisi sfenoidale.

Spaccato sagittale conca nasale

 Lamine dell’osso palatino: verticale e orizzontale

La lamina verticale si trovaorientata sagittalmente. La faccia esterna è articolata con il mascellare, con la parte dello iato del seno mascellare. La faccia interna forma il limite esterno delle fossa nasali. È percorsa da due creste: cresta etmoidale (si articola con il cornetto medio dell’etmoide) e la cresta concale (si articola col cornetto inferiore).

La lamina orizzontale  forma 1/3 posteriore della volta palatina. Fa seguito al processo palatino del mascellare. Il suo bordo anteriore si articola con il bordo posteriore della lamina orizzontale del mascellare.

Apofisi palatine

L’apofisi orbitale è situata nella parte antero-inferiore della sommità della lamina verticale. Presenta una cima che si articola con la parte inferiore del corpo dello sfenoide. La faccia interna che si articola con la faccia posteriore della faccia inferiore delle masse laterali. Una faccia infero-interna che forma il trigono palatino;

L’apofisi piramidale si articola, tramite il suo bordo posteriore, con le apofisi pterigoidee;

Le apofisi sfenoidali delimitano posteriormente il foro palatino situato nella parte posteriore della lamina verticale.

Rapporti articolari

  • Mascellare→la faccia esterna del la lamina verticale si articola con la faccia interna del corpo del mascellare. Il bordo anteriore della lamina orizzontale si articola con l’apofisi palatina del mascellare. Il trigono palatino si articola con la faccia orbitale del mascellare;

  • Sfenoide→l’apofisi sfenoidale si articola con la faccia inferiore del corpo dello sfenoide. L’apofisi orbitale si articola con il bordo inferiore del corpo dello sfenoide. L’apofisi piramidale si articola con la cresta formata dalla ali delle apofisi pterigoidee;

  • Etmoide→l’apofisi orbitale è articolata con le masse laterali dell’etmoide;

  • Vomere→si articola a livello della cresta inter-palatina;

  • Palatino opposto→a livello della cresta inter-palatina e forma 1/3 del palato osseo.

Inserzioni muscolari

  • Pterigoideo esterno→sull’ala interna del pterigoideo e dell’apofisi piramidale del palatino;

  • Pterigoideo interno→sull’ala esterna della pterigoide e sul bordo posteriore dell’apofisi piramidale del palatino;

  • Peristafilino esterno→sulla lamina orizzontale del palatino.

Rapporti nervosi

  • Nervo sfeno-palatino;

  • Ganglio sfeno-palatino.

Fisiologia osteopatica

Il palatino si muove su un asse verticale passante per la lamina verticale. Compie movimenti di rotazione esterna ed interna, sincrono a quello dello sfenoide.

Movimenti sul piano antero-posteriore

Lungo il piano antero-posteriore, durante la flessione, si porta verso il basso.

Movimenti sul piano frontale

Lungo il piano frontale, durante la flessione, i due palatini si allontanano l’uno dall’altro.

Movimenti sul piano orizzontale

Lungo il piano orizzontale, durante la flessione, i due palatini descrivono una rotazione esterna come i mascellari:

  • La parte esterna avanza;

  • Il margine mediano arretra.

Nello specifico:

  • Processi piramidali→fuori, basso, dietro;

  • Processo orbitario e sfenoidale→basso;

  • Sutura palatina→basso e dietro;

  • La parte posteriore del palato→si abbassa.

SICURO DI NON AVERNE BISOGNO? DAI UN’OCCHIATA! LEGGI LE RECENSIONI!

Bibliografia: