L’articolazione tibio-tarsica o conosciuta come tibio-peroneo-astragalica, è un ginglimo angolare. L’articolazione vede la tibia e il perone, che formano il mortaio tibioperoneale, uniti alla troclea dell’astragalo. Le strutture che formano quindi l’articolazione sono:

Articolazione tibio-tarsica

By OpenStax College – Anatomy & Physiology, Connexions Web site. http://cnx.org/content/col11496/1.6/, Jun 19, 2013., CC BY 3.0.

Fontehttps://commons.wikimedia.org/

Capsula articolare dell’articolazione tibio-tarsica

La capsula articolare dell’articoalzione tibio-tarsica risulta rafforzata lateralmente da numerosi legamenti. Essa aderisce ai contorni del mortaio tibio-peroneale e sui margini della cartilagine articolare dell’ astragalo.

Legamenti della tibio-peroneo-astragalica

I legamenti che inspessiscono la capsula articolare e che rafforzano e stabilizzano l’articolazione tibio tarsica, sono diversi ma si riassumono in due complessi legamentosi:

  • Legamento collaterale mediale: è un robusto legamento composto dal legamento deltoideo, robusto e di forma triangolare con apice che si inserisce sul malleolo tibiale (mediale) e la base che sfiocca in 4 fasci che si inseriscono in zone differenti del tarso. I fasci sono:
    • Due anteriore: legamento tibiotalare anteriore (si inserisce sul collo dell’astragalo), legamento tibionavicolare (si inserisce sullo scafoide);
    • Due posteriori: legamento tibiocalcaneare (si inserisce sul calcagno), legamento tibiotalare posteriore (si inserisce nella porzione posteriore dell’astragalo).
  • Legamento collaterale laterale: origina dal malleolo peroneale (laterale) e termina con tre fasci:
    • Legamento peroneo astragalico anteriore;
    • Legamento peroneo astragalico posteriore;
    • Legamento peroneo calcaneare.

N.B. Il legamento deltoideo ha una rilevanza fondamentale nella stabilità della caviglia.

Legamenti dell'articolazione tibio tarsica

By OpenStax College – Anatomy & Physiology, Connexions Web site. http://cnx.org/content/col11496/1.6/, Jun 19, 2013., CC BY 3.0.

Fontehttps://commons.wikimedia.org/

Bibliografia: