30 Dicembre 2021

Articolazioni del corpo umano: suddivisione e classificazione

Le articolazioni del corpo umano consentono o agevolano la possibilità di compiere determinate funzioni locomotorie da parte dell’omonimo apparato. In particolare, esse offrono:

  • Stabilità;
  • Motilità;
  • Possibilità di accrescimento.
Articolazioni del corpo umano

In questa immagine possiamo apprezzare le differenti tipologie di articolazioni del corpo umano. Fonte img: By OpenStax College – Anatomy & Physiology, Connexions Web site. http://cnx.org/content/col11496/1.6/, Jun 19, 2013., CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=30131668

Possono essere classificate in base a differenti criteri quali grado di mobilità e natura tissutale e quindi si suddividono in:

  • Sinartrosi (fisse);
  • Anfiartosi (semimobili);
  • Diartrosi (mobili).

Articolazioni del tipo Sinartrosi

Si tratta di articolazioni che mettono in continuità anatomica due ossa adiacenti. È formato da rigido tessuto connettivo propriamente detto e si suddividono in:

  • Fibrose;
  • Cartilaginee;
  • Ossee.
Articolazioni sinartrosi

Le ossa del cranio sono un esempio di articolazioni della tipologia delle sinartrosi che possono essere differenziate in sinartrosi fibrose, cartilaginee e ossee.

Sinartrosi fibrose

Nelle sinartrosi fibrose la continuità anatomica tra segmenti scheletrici è garantita da tessuto fibroso. Talune si suddividono ulteriormente in:

  • Sindesmosi: articolazioni fibrose che si instaurano a livello di segmenti scheletrici del tronco, arti e cranio (neonatale).
  • Suture: nel cranio sono originate da sindesmosi membranosi (fontanelle) che si chiudono proporzionalmente all’accrescimento osseo. Le suture sono esclusive delle ossa craniali e si continueranno con il periostio esterno ed interno delle ossa craniali. Si distinguono in:
    • Dentate: margini dentati e incastro tra le dentature (osso occipitaleparietale);
    • Squamose: margini tagliati trasversalmente che si sovrappongono (osso parietaletemporale);
    • Armoniche: margini perfettamente regolari e concordanti (ossa nasali);
    • Schindilesi: si tratta di suture a incastro dove la cresta di un osso si incastra a quella dell’osso adiacente (sfenoidevomere).
  • Gonfosi: si rinvengono soprattutto a livello dei denti e ossa mascellari superiori e inferiori. Si instaurano inoltre dei legamenti parodontali tra il cemento dentale e il periostio dell’osso mandibolare.
  • Sinelastosi: si rinvengono tra le lamine degli archi vertebrali tra le vertebre articolate. Tra queste lamine vi intercorrono i legamenti gialli, quindi queste articolazioni prevedono il contatto tra superfici ossee mediante contatto di tessuto connettivo elastico.

Sinartrosi cartilaginee

Le sinartrosi cartilaginee vengono chiamate sincondrosi. Sono articolazioni tra ossa mediante interposizione di cartilagine ialina.

Sinartrosi ossea

Le sinostosi sono articolazioni in cui due ossa si fondono completamente tra di loro. Per esempio una sincondrosi in età avanzata oppure le suture craniche possono andare incontro a ossificazione totale.

Anfiartrosi

Le anfiartosi (sinfisi) sono delle articolazioni tra due ossa relativamente vicine costituite da superficie articolare ricoperta di cartilagine ialina e interposizione di disco fibrocartilagineo (articolazioni tra corpi vertebrali – sinfisi pubica).

Anfiartrosi articolazione della colonna vertebrale

In questa immagine visualizziamo la tipologia di articolazione che avviene tra una vertebra e l’altra tramite l’interposizione di un disco fibrocartilagineo. Questo tipo di articolazione è del tipo delle anfiartrosi.
Fonte img: By BodyParts3D/Anatomography, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=33838745

Diartrosi

Le diartrosi o articolazioni sinoviali, sono articolazioni che consentono ampi gradi di movimento articolare. È innescata tra due superfici libere di scivolare l’una sull’altra dove si possono rinvenire alcuni dispositivi volti a mantenere, agevolare e consentire questi ampi movimenti.

Diartrosi articolazione coxofemorale

L’articolazione coxofemorale è un esempio di diartrosi. Fonte img: By OpenStax College – WIKIMEDIA COMMONSFile:903 Multiaxial Joint.jpg, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=74297144

Le superfici articolari (faccette articolari) delle due ossa contigue sono ricoperte da tessuto cartilagineo articolare. Le cartilagini articolari sono delle lamine di tessuto cartilagineo ricoperte da un liquido lubrificante noto come liquido sinoviale.

Queste superfici articolari sono contenute in una capsula articolare tappezzata dalla membrana sinoviale lubrificata dal liquido sinoviale.

Esistono tre importanti dispositivi di armonizzazione (dispositivi diartrodiali) per agevolare il movimento e limitare i danni conseguenti ad esso:

  • Dischi e Menischi: dispositivi fibrocartilaginei che ottimizzano il rapporto tra le superfici articolari;
  • Labbri: dispositivi in grado di aumentare la superficie di accoglimento delle faccette articolari.

Cartilagine articolare nelle diartrosi

La cartilagine articolare è una cartilagine specializzata che contribuisce alla formazione di tutte le diartrosi (fatta eccezione per articolazione temporomandibolare e articolazione sternoclavicolare poiché al posto della cartilagine articolare possiedono fibrocartilagine).

Lo spessore intrinseco della cartilagine dipende dalla frequenza di sollecitazioni. La cartilagine articolare è per il 95% composta da matrice extracellulare e per il 5% composta da condrociti.

Tranne che nell’abbozzo scheletrico, la cartilagine articolare non si può più rigenerare (invece la membrana sinoviale si può rigenerare).

Mezzi di armonizzazione o diartrodiali: dischi, menischi e labbri

I mezzi diartrodiali, sono in grado di consentire una migliore adesione delle superfici articolari qualora risultino incongruenti e quindi agevolano la motilità dell’articolazione (e riducendo il carico sull’articolazione).

Si trovano questi mezzi all’interno della cavità articolare a diretto contatto con il liquido sinoviale da cui questi mezzi traggono gran parte del nutrimento.

Questi mezzi sono, come predetto:

  • Dischi;
  • Menischi;
  • Labbri articolari.

La struttura dei mezzi di armonizzazione prevede la formazione di determinate aree:

  • Area cartilaginea: condrociti voluminosi e sostanza fondamentale ricca di fasci di fibre collagene;
  • Area di transizione: condrociti di dimensioni minori;
  • Area fibrosa: i condrociti assumono l’aspetto di fibrociti e sostanza fondamentale ricca di fasci fibrosi addensati.

I menischi presentano una zona periferica ricoperta da capsula articolare e zona interna riempita di liquido sinoviale (per nutrimento).

I dischi presentano una zona fibrocartilaginea e una zona di tessuto connettivo articolare.

I labbri articolari hanno la funzione di aumentare la superficie articolare. Possiedono struttura fibrosa con scarsa componente elastico/fibrocartilaginea specialmente nelle parti a diretto contatto con articolazione (superfici interne). Sono tipiche delle articolazioni gleno-omerali e coxo-femorale.

Autore Angelo Terranova

Autore Angelo Terranova

Osteopata, CEO e fondatore di OsteoLab. Sono sempre stato convinto che la problematica della persona debba essere approcciata in maniera integrata e olistica. Per tale motivo ho creato OsteoLab.

Seguici sui Social

Angelo Terranova Osteopata

Benvenuto su OsteoLab!

Sono Angelo Terranova, CEO e Founder di OsteoLab, il laboratorio della salute. Cosa possiamo fare per te?

Via Solferino 40, Legnano (MI)

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi i nostri ultimi articoli

Shares
Share This